Da Israele i farmaci testati sicuri contro il Covid-19

Redazione

Gli scienziati israeliani hanno provato un nuovo approccio per trovare una cura al Covid-19 e confermano di aver trovato tre molecole molto efficaci. Tuttavia, per il momento, i test sono stati effettuati solo in vitro.

Dall’inizio della crisi sanitaria di Covid-19, sono stati testati diversi farmaci per cercare di curare i pazienti già infetti. Alcuni non sono stati dimostrati, altri si sono rivelati interessanti all’inizio della malattia. Questa volta, i ricercatori israeliani credono di aver trovato la cura tanto attesa, attraverso tre trattamenti, che secondo il Times of Israel sarebbero “efficaci quasi al 100%”.

Da Israele i farmaci testati sicuri contro il Covid-19

Si tratterebbe di un farmaco usato contro l’Hiv, il cui nome non è ancora stato svelato, un altro contro l’aterosclerosi (malattia che ingombra le arterie, spiega Inserm ) che si chiama Darapladib, e infine Flumatinib, farmaco antitumorale in fase di studio (in fase 3 nel 2020, secondo il sito e-cancer ) contro la leucemia mieloide cronica.

Queste tre molecole sarebbero state provate contro le cellule infettate da SARS-CoV-2. Vale a dire, avrebbero permesso alle cellule infette da Covid-19 di rimanere in vita . “Ad esempio, in circostanze classiche, circa la metà delle cellule sarebbe morta entro due giorni dal contatto con il virus“, ha affermato il direttore dello studio, il professor Isaiah Arkin dell’Università ebraica di Gerusalemme.

Come già sappiamo, il virus ha una proteina che ha la forma di uno spuntone, che si chiama “Spike” ed è quella che attacca e infetta le cellule. Finora, è lei che abbiamo cercato di neutralizzare. Questa volta, i ricercatori israeliani hanno cercato di attaccare il virus da un’altra angolazione: con farmaci che avrebbero invece preso di mira la membrana che avvolge il virus . Questo potrebbe essere tanto più interessante in quanto quest’ultimo mantiene una certa stabilità da una variante all’altra. Infatti, nonostante i cambiamenti, questo tipo di approccio potrebbe rimanere efficace.

Detto questo, questo studio è stato condotto in laboratorio, “in vitro”, e attualmente non ci consente di affermare che queste molecole potranno aiutare o salvare i pazienti infetti.

Fonte@Times of Israel

Next Post

Il caffè non ha nulla a che vedere con problemi cardiaci

Un recente studio sconfessa quello che per anni è stata una vera e propria leggenda: bere caffè tutti i giorni non aumenta il rischio di sviluppare un’aritmia cardiaca, un disturbo del normale ritmo cardiaco. In effetti, alcuni consumatori evocano palpitazioni o anomalie del ritmo cardiaco dopo aver assunto questo “stimolante“. […]
Il caffe non ha nulla a che vedere con problemi cardiaci