Il caffè non ha nulla a che vedere con problemi cardiaci

Redazione

Un recente studio sconfessa quello che per anni è stata una vera e propria leggenda: bere caffè tutti i giorni non aumenta il rischio di sviluppare un’aritmia cardiaca, un disturbo del normale ritmo cardiaco.

In effetti, alcuni consumatori evocano palpitazioni o anomalie del ritmo cardiaco dopo aver assunto questo “stimolante“. Ma un nuovo studio sull’argomento è rassicurante e sottolinea come, nella maggior parte dei casi, non vi sia alcuna relazione tra l’insorgenza di attacchi di aritmia e l’assunzione di caffè. Pubblicato sulla rivista “JAMA Internal Medicine” , mostra che la maggior parte delle persone può godersi il caffè mattutino senza preoccupazioni perché la caffeina non sembra aumentare il rischio di aritmia nella maggior parte dei consumatori.

Non vediamo alcuna prova di questa raccomandazione generale di evitare il caffè“, conferma il coautore dello studio Dr. Gregory Marcus dell’Università della California a San Francisco.

Potrebbero esserci alcune persone per le quali la caffeina è un fattore scatenante, ma penso che ci sia un numero crescente di prove che questi casi siano in realtà piuttosto rari“. Il team scientifico ha persino scoperto che ogni tazza di caffè in più che una persona beve quotidianamente potrebbe ridurre il rischio di aritmia in media di circa il 3%.

Il caffe non ha nulla a che vedere con problemi cardiaci

La caffeina fa davvero male al cuore?

Per determinare se la caffeina può davvero causare un battito cardiaco accelerato o un battito cardiaco anomalo, i ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 386.000 persone in uno studio sulla salute a lungo termine nel Regno Unito, interrogato in particolare sul consumo di caffè. Di questi, circa 17.000 hanno sviluppato un problema del ritmo cardiaco durante un follow-up medio di 4,5 anni. Di conseguenza, non c’era alcun legame tra il consumo di caffeina e l’insorgenza di aritmie cardiache, anche quando i ricercatori hanno preso in considerazione fattori genetici che potrebbero influenzare il modo in cui gli individui metabolizzano la caffeina.

Non siamo riusciti a trovare alcuna prova a livello di popolazione che coloro che consumavano più caffè o coloro che erano esposti a più caffeina avessero un aumentato rischio di aritmia. I risultati dello studio mostrano che esiste un dogma infondato secondo cui il caffè può causare aritmie“, hanno aggiunto i ricercatori. Questi ultimi, invece, sono più contrastanti quando si tratta di riscontrare i potenziali benefici protettivi del caffè, dato che l’effetto è stato molto debole: mentre il caffè potrebbe non causare aritmie, non aiuta neanche a proteggere. È importante sottolineare che sono necessari ulteriori studi per determinare come colpisce il cuore.

fonte@SanteMagazine

Next Post

Variante Delta, quali sono i reali sintomi

La variante Delta del coronavirus, che attualmente risulta essere la più pericolosa tra le varianti emergenti, è nota per essere trasmessa e diffusa molto più rapidamente. Mentre il numero di casi ha ricominciato a crescere in molti paesi europei, ci si chiede quali sono i sintomi della variante Delta. Si […]
Variante Delta quali sono i reali sintomi