Eva Henger, duro attacco alla figlia Mercedesz

Redazione

Negli anni Eva Henger e sua figlia Mercedesz sono sempre apparse molto affiatate, complici, con un rapporto invidiabile che però negli ultimi mesi si è fortemente incrinato.

Dapprima infatti Eva è andata ad urlare ai quattro venti che la figlia fosse vittima di violenza dal suo compagno, poi, domenica, Mercedesz nello studio di Domenica Live ha raccontato che Riccardo Schicchi non era il suo vero padre.

Una rivelazione che ha sconvolto il pubblico ma non gli addetti ai lavori: a quanto pare nel settore tutti sapevano la verità, ma tutti avevano promesso al defunto Schicchi di non parlare pubblicamente di questa cosa, per il grande amore che questo nutriva per sua figlia, anche se non biologica.

Ma proprio Mercedesz ha rotto la promessa, e la cosa è inconcepibile per Eva, che si è quindi abbandonata ad un lungo sfogo:

Tutti i collaboratori, gli amici, i familiari miei e di Riccardo sapevano perfettamente la verità. Però Riccardo ha chiesto che mai venisse detto pubblicamente, perché lui era orgoglioso di essere il padre di Mercedesz e non avrebbe mai voluto essere derubato dal suo ruolo, come è stato fatto ieri“. 

In una serie di video ha spiegato che “se l’avesse sentito proprio dalla persona cui ha dedicato la sua vita, ieri sera sarebbe morto una seconda volta. Quando Mercedesz ha iniziato ad andare a scuola aveva un cognome diverso e tutta la scuola ha saputo la verità. Questo per spiegarvi che quella favola delle 4 persone non è vera“.

 “Mi sono sfogata qui ma io non andrò da nessuna parte a parlare di questa cosa perché finisce qui per me. Mercedesz è caduta proprio in basso. Le ho scritto prima delle trasmissione, le ho detto: ‘Mercedesz questa cosa è un boomerang, non lo devi fare’. Ovviamente non sono stata ascoltata e non ho ricevuto risposta“, ha quindi chiosato.

Next Post

Disposofobia, ecco di cosa si tratta

Ognuno di noi è particolarmente legato a degli oggetti, magari senza valore estrinseco rilevante, ma che rivestono per noi un’importanza particolare e ci pare quindi impossibile separarcene. A volte capita che questi oggetti diventano tanti, e sembra che non si ha più spazio dove metterli: arriva quindi il momento di […]
Disposofobia ecco di cosa si tratta