HIV e AIDS, maggiore attenzione ai pazienti pediatrici

Redazione

Che il virus dell’HIV sia uno dei più subdoli e diffusi del mondo è cosa nota, cosa tragicamente meno nota è che purtroppo un’alta percentuale è formata da pazienti giovanissimi, neonati a cui il virus è stato trasmesso dalla madre sieropositiva.

Nel mondo sono 3,3 milioni i bambini infetti, quasi il 10% delle 35 milioni di persone nel mondo infette, e anche se nei paesi più avanzati, come l’Italia, i casi sono in diminuzione, sono comunque troppi i casi di trasmissione verticale del virus dalla madre al feto.

Dal 1982 al 2012 in Italia sono stati notificati 784 casi di AIDS in eta’ pediatrica, ed è su questi piccoli pazienti che si sta concentrando la sperimentazione, per cercare di garantirgli un futuro che fino a pochi decenni fa non potevano sperare di avere.

Fondamentale è stato l’arrivo delle formulazioni pediatriche ”a misura di bambino” di raltegravir, capostipite degli inibitori dell’integrasi, la piu’ recente innovazione terapeutica nella lotta all’infezione da HIV e da qualche anno elemento indispensabile del trattamento antiretrovirale.

Il passo in avanti è indubbio per migliorare la vita di questi bimbi, ma la ricerca ha ancora tanto da fare.

 

HIV e AIDS, maggiore attenzione ai pazienti pediatrici

Next Post

Sara Tommasi e i festini a Arcore

A Salerno è in corso il processo per un presunto stupro a Sara Tommasi, che avrebbe subito nel settembre 2012. Oggi la showgirl-attrice hard ha rilasciato una lunga deposizione a porte chiuse presso la tersa sezione penale del tribunale del capoluogo campano, e le dichiarazioni non possono che sollevare polemiche. […]