Set 26, 2020

24Hlive.it

Tutte le news del web

Inizia il conto alla rovescia per il nuovo film di Checco Zalone

Checco Zalone fa subito record di incassi

Quest’anno il conto alla rovescia per il nuovo anno è già iniziato, e c’è un motivo in più: proprio il 1 gennaio arriva nelle sale l’ultima fatica cinematografica di Checco Zalone.

Zalone, uno dei pochi registi che riesce a raccogliere milioni di euro come se nulla fosse, che riesce a portare nelle sale gente di tutte le età e le estrazioni sociali, come ormai nemmeno i grandi nomi del panorama mondiale riescono più a fare.

Il film si intitola “Tolo Tolo” ed il trailer ha già alzato un polverone. Sebbene si sa che il video non ha nulla a che vedere con la pellicola, è già stato tacciato di razzismo, per la canzone, “L’immigrato”, che appunto viene cantata  e di cui evidentemente non viene colta l’ostentata ironia.

Se ne sono dette di tutti i colori in questi giorni ma nonostante il comico abbia detto al Corriere della Sera di non aver creato ad hoc un film contro gli immigrati e nonostante abbia spiegato chiaramente che nel suo film c’è satira e ironia, i soliti continuano a definirlo razzista.

Checco Zalone: Tolo Tolo

Tanto che il produttore Pietro Valsecchi, nella presentazione della pellicola a Roma, ha dovuto spiegare:

Tolo Tolo non è un film su persone che cercano un futuro diverso, ma semplicemente un futuro. Mette in scena la realtà contemporanea con il sorriso e con un tocco magico e poetico“.

Non è stato semplice raccontare questa storia – continua il produttore della Taodue Film – il problema era trovare la quadra, Luca era alla sua prima regia e serviva quel tocco magico per mettere in scena la realtà contemporanea. Brecht diceva che bisogna essere seri sulle cose ridicole e ridere sulle cose serie. Sono contento di aver fatto questo grande film e di aver tenuto a battesimo Luca per questa grande avventura“.

E Zalone ha aggiunto:

Il trailer non c’entra niente con il film e ci aspettavamo di destare qualche polemica anche se non fino a questo punto. Non mi aspettavo di essere sulle prime pagine dei giornali e oggetto di dibattito nei talk show. Francamente mi son anche un po’ stancato e dopo tre giorni non ho seguito più“.

Ed alla fine ha dovuto chiarire che non si tratta di una pellicola contro Salvini:

Tutto è politica – chiosaZalone -. Io non mi metto a fare un film contro Salvini. È un film poetico, c’è dentro una grande realtà. Secondo me Salvini è l’espressione della gente e la gente si sentirà chiamata in causa“.

Loading...
Copyright 2012 © 24hlive.it All rights reserved. | Newsphere by AF themes.