Intelligenza artificiale conterà i crateri sulla Luna

Redazione

Un team internazionale di ricercatori ha utilizzato algoritmi di apprendimento automatico per contare e mappare oltre 100.000 crateri lunari.

Precedenti lavori sull’identificazione e la localizzazione dei crateri sulla Luna hanno dimostrato che questo processo è molto lungo – di solito è stato fatto manualmente, studiando fotografie e poi compilando mappe utilizzando le informazioni ricevute.

In un nuovo studio, gli scienziati hanno trovato un modo per accelerare notevolmente questo processo addestrando un computer per identificare i crateri e quindi contarli.

Insegnare ad un computer a riconoscere i crateri è impegnativo perché i crateri possono assumere molte forme. Non tutti i crateri sono anelli regolari, mentre tutti i crateri sono di età diverse, e quindi, nei crateri più antichi, le caratteristiche distintive sono state “dilavate” sotto l’influenza dei processi di erosione.

Gli scienziati volevano mappare la posizione di tutti i crateri sulla superficie lunare e datare ogni cratere per fornire un potente strumento per studiare la storia del nostro sistema solare.

Intelligenza artificiale conta i crateri sulla Luna

Questo nuovo approccio prevedeva la “formazione” di un algoritmo di apprendimento automatico per riconoscere la struttura sottostante del cratere. Quindi l’algoritmo è stato “addestrato” a riconoscere i crateri in un contesto più ampio, sulla base dell’analisi dei dati ottenuti utilizzando gli orbitanti lunari cinesi Chang’e-1 e Chang’e-2.

Dopo l’addestramento, il sistema è stato finalmente completato, i ricercatori lo hanno applicato all’analisi dei dati raccolti utilizzando il lander Chang’e-5, che faceva parte della missione cinese per restituire campioni di suolo dalla superficie lunare. Un algoritmo di apprendimento automatico ha utilizzato questi dati per identificare e contare i crateri alle latitudini lunari medie e basse. Questo nuovo sistema contava un totale di 109.956 crateri, molto più di quanto non sia mai stato contato per la Luna.

La ricerca è pubblicata sulla rivista Nature Communications; l’autore principale Chen Yang.

Next Post

Amazon acquista una flotta di Boeing per espandere le consegne

Nel 2016, la flotta aerea cargo di Amazon (allora nota come Prime Air ) era composta da 11 jet. Entro la fine del 2022, la società ha detto a Bloomberg che prevede di avere più di 85 aerei che trasporteranno prodotti negli Stati Uniti e in altri paesi grazie alla sua recente acquisizione di 11 Boeing […]
Amazon acquista una flotta di Boeing per espandere le consegne