Farmacista arrestato per aver sabotato le dosi del vaccino Moderna

Farmacista arrestato per aver sabotato le dosi del vaccino Moderna

Un farmacista dell’ospedale del Wisconsin è stato arrestato giovedì con l’accusa di sabotare più di 500 dosi di vaccino contro il coronavirus rimuovendole deliberatamente dalla refrigerazione per rovinarle, hanno detto la polizia e le autorità mediche.

Il farmacista, un dipendente dell’Aurora Medical Center di Grafton, Wisconsin, al momento in cui 57 fiale di vaccino sono state trovate lasciate fuori dalla cella frigorifera all’inizio di questa settimana, è stato licenziato ma non è stato identificato pubblicamente, hanno detto i funzionari.

Ogni flaconcino contiene 10 dosi. Quasi 60 delle dosi in questione sono state somministrate prima che i funzionari ospedalieri determinassero che il farmaco era stato lasciato non refrigerato abbastanza a lungo da rendere il vaccino inefficace

Le restanti più di 500 dosi sono state quindi scartate. Moderna Inc , produttore del vaccino, ha assicurato all’ospedale che ricevere un’iniezione di una qualsiasi delle dosi rimosse dalla refrigerazione non pone alcun problema di sicurezza, oltre a lasciare il destinatario non protetto dall’infezione da COVID, ha affermato il dottor Jeff Bahr, Aurora Health Care Medical Group Presidente.

Farmacista arrestato per aver sabotato le dosi del vaccino Moderna

Né Aurora Health né le forze dell’ordine hanno offerto alcun motivo possibile per il sabotaggio. Coloro che hanno ricevuto le dosi inefficaci sono stati avvisati e dovranno essere nuovamente vaccinati. 

L’episodio significa che l’immunizzazione sarà ritardata per 570 persone che dovrebbero ormai aver ricevuto la prima iniezione del vaccino a due dosi.

Parlando a una conferenza stampa online giovedì, Bahr ha detto che non c’erano prove che il farmacista avesse manomesso i vaccini in alcun modo oltre a rimuoverli dalla refrigerazione o che qualsiasi altra dose fosse stata alterata.

La polizia di Grafton ha detto in una dichiarazione che il farmacista “sapeva che le vaccinazioni viziate sarebbero state inutili e che le persone che hanno ricevuto le vaccinazioni avrebbero pensato di essere state vaccinate contro il virus quando in realtà non lo erano“.

L’incidente arriva tra i sondaggi dell’opinione pubblica che mostrano un diffuso scetticismo sulla sicurezza dei vaccini COVID-19, a cui è stata concessa l’autorizzazione per l’uso di emergenza dai regolatori federali solo 11 mesi dopo che il virus è emerso negli Stati Uniti.

Redazione

<em>Content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, appassionata di gossip, cronaca e curiosità.</em>