La dieta salutare della popolazione europea

Redazione

Gli alimenti più consumati dalle popolazioni europee, in particolar modo quelle latine come la Spagna e l’Italia, sono latte e latticini, verdura, frutta, cereali e derivati, carne e derivati, secondo un nuovo lavoro scientifico coordinato dalla Fondazione spagnola per la nutrizione (FEN) e pubblicato sulla rivista ‘Nutrients’ .

I dati ottenuti in questa ricerca, in cui sono stati analizzati i dati sul consumo di alimenti e bevande della popolazione che partecipa allo studio scientifico ANIBES, ci consentono di stimare il menu medio giornaliero in Spagna, nonché di conoscere la distribuzione associata di diversi gruppi di cibi e bevande e osservare la loro evoluzione nella dieta degli spagnoli“, afferma il professor Gregorio Varela-Moreiras, professore di nutrizione e bromatologia presso l’Università San PabloCEU, presidente della Fondazione spagnola per la nutrizione FEN) e ricercatore principale di questo lavoro.

La dieta salutare della popolazione europea

Per quanto riguarda il sesso degli individui, lo studio ha dimostrato che gli uomini consumano quantità significativamente più elevate rispetto alle donne di alimenti dei gruppi di cereali e derivati, carni e derivati, uova, cibi precotti e salse e condimenti. Da parte sua, la popolazione femminile registra un consumo di frutta notevolmente più elevato, rispetto alla popolazione maschile.

Quando il consumo di cibo è stato analizzato per fasce di età, abbiamo scoperto che in tutte le età i gruppi di alimenti più consumati corrispondono a latte e latticini e verdure. Tuttavia, tra gli anziani tra i 65 ei 75 anni, il gruppo di alimenti più consumato è stato quello fatto di frutta, poi latte e latticini“, indica il professore.

D’altronde, sottolinea il principale ricercatore dello studio, “si è ritenuto importante sottolineare anche che il consumo di alimenti dei gruppi dei cereali e derivati, latte e latticini, carni e derivati, zuccheri e dolci, snack, cibi precotti, salse e condimenti è significativamente più alta nei bambini, rispetto agli adulti e alle persone anziane“.

Al contrario, i dati di questo lavoro hanno rivelato che il consumo di verdura e verdura, frutta, oli e grassi e pesce e crostacei era significativamente più alto negli adulti e negli anziani. Allo stesso modo, si evidenzia che, sebbene il consumo di verdura e verdura fosse maggiore negli adulti e negli anziani rispetto alla popolazione di bambini e adolescenti, il gruppo di anziani è stato l’unico con un consumo significativamente più elevato di questo gruppo di alimenti.

D’altra parte, si osserva che le bevande analcoliche costituiscono il gruppo di bevande più consumate dalle popolazioni latine. L’acqua è la bevanda più consumata, seguita da bevande a bassa gradazione alcolica, bibite zuccherate, caffè e altri infusi, succhi e nettari e bibite analcoliche senza zucchero.

In termini di fasce di età, il più alto consumo di sottogruppi di bevande tra i bambini dai 9 ai 12 anni è associato ad acqua, succhi e nettari, bibite zuccherate e bibite senza zucchero. Tra gli adolescenti di età compresa tra 13 e 17 anni, i 3 sottogruppi principali di bevande consumate corrispondono, rispettivamente, ad acqua, bibite zuccherate, succhi e nettari e bibite senza zucchero.

Nel caso degli adulti di età compresa tra i 18 ei 64 anni, le principali fonti di bevande sono acqua, bevande a bassa gradazione alcolica, caffè e altri infusi, bibite zuccherate, succhi e nettari e bibite analcoliche senza zucchero.

Una scoperta interessante trovata in questo studio è stata che gli adulti tra i 18 ei 64 anni di età hanno registrato le quantità più elevate consumate nel gruppo di bevande, sia alcoliche che analcoliche“, spiega l’autore principale del lavoro.

[email protected]

Next Post

Il sale cinese è a rischio Alzheimer

La dietista esperta Eda Balcı ha messo in guardia sui problemi di salute che si verificano nel consumo eccessivo di glutammato monosodico ( MSG ) noto come sale cinese. Balcı ha confermato: “Gli studi hanno dimostrato che c’è un aumento della probabilità di malattie gravi come diabete, obesità, Alzheimer, Parkinson, […]
Il sale cinese a rischio Alzheimer