Marijuana e gli effetti di ringiovanimento per il cervello

marijuana ringiovanisce il cervello

Quando si prende la marijuana in qualsiasi forma, i recettori dei cannabinoidi nelle nostre cellule cerebrali rispondono al suo principio attivo, il THC, creando sensazioni di piacere e relax. Poiché la maggior parte di questi recettori si trovano nelle aree del cervello che colpiscono la memoria, la cognizione, la percezione e la coordinazione motoria, tutte queste funzioni mentali possono essere influenzati dall’utilizzo di marijuana.

Si è parlato molto della marijuana in ambito terapeutico ma quello che fino ad oggi sembrava uno degli effetti negativi potrebbe invece trasformarsi in una vera e propria cura.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nature Medicine, la marijuana assunta in piccole dosi potrebbe addirittura aiutare il ringiovanimento del cervello, in particolar modo nelle funzioni legate alla memoria delle persone anziane.

Lo studio pubblicato sulla rivista Nature Medicine è stato portato a termine dall’università di Bonn a capo dell’equipe c’è Andreas Zimmer che ha spiegato in linea di massima l’esperimento condotto, confermando: “abbiamo ripetuto gli esperimenti molte volte, trovando sempre un effetto significativo e profondo”.

Come spiega lo stesso dott. Zimmer il THC, ovvero il principio attivo della marijuana, riesce ad attivare i recettori degli endocannabinoidi, il tutto è stato testato in principio attraverso l’osservazione di topolini nei quali, naturalmente, i recettori erano praticamente inutilizzati o poco attivi.

I primi test sono proseguiti su topolini di giovane età per poi passare ad un’età media ed infine anziana, agli animali venivano somministrate piccole dosi del principio attivo della marijuana, il THC, ovviamente dosi tali da non avere “l’effetto droga”.

A circa un mese dall’esperimento si è potuto notare che mentre i topolini giovani riuscivano a malapena ad attraversare il percorso creato appositamente dagli studiosi, i topolini più anziani procedevano il loro percorso di “memorizzazione” molto più rapidamente, migliorando di giorno in giorno.

Gli effetti riscontrati nei topolini ai quali è stato somministrato il principio attivo della marijuana, sono durati per settimane.

Ma proviamo a vedere nel dettaglio i principi attivi della marijuana e in generale della cannabis:

La cannabis contiene una grande varietà di composti chimici diversi. Con più di 500 componenti noti, la cannabis è una delle piante migliori chimicamente studiate. Ma la maggior parte di questi costituenti non sono ancora stati adeguatamente caratterizzati per l’attività biologica, molti dei costituenti della cannabis si possono trovare anche in altre specie vegetali. Tuttavia, i cannabinoidi sono unici solo nella pianta di cannabis.

 

Ghiandole di resina

I costituenti più interessanti sono quelli presenti nelle secrezioni delle ghiandole di resina (tricomi) distribuiti sulla superficie della pianta di cannabis. Anche se i tricomi possono essere trovati in tutte le piante maschili e femminili, sono particolarmente concentrati nella zona dei fiori femminili. Il materiale resinoso escretato è costituito da una miscela di diverse sostanze chimiche, tra i più importanti ci sono i cannabinoidi e terpeni. Lo strato esterno del materiale espulso è costituito da uno strato di cera, che protegge gli altri prodotti chimici di ossidazione e degradazione. A causa del suo aspetto scintillante sotto forte luce, le ghiandole di resina sono spesso indicati come “cristalli”.

 

I cannabinoidi

I cannabinoidi sono strutture chimiche uniche che si possono trovare solo nella pianta di cannabis. Essi sono generalmente definiti come i principali ingredienti medicinali della cannabis. Il cannabinoide più comunemente noto è il tetraidrocannabinolo (THC), che è anche il composto che è responsabile per l’effetto “droga” dopo aver consumato grandi quantità di cannabis. A causa di questo effetto psicotropo, il THC viene spesso indicato come il componente attivo della cannabis.

Tuttavia, già più di 70 diversi cannabinoidi sono stati identificati finora. Questi composti hanno una struttura chimica che è molto legato al THC, ma i loro effetti biologici sono molto diversi e non hanno (quasi) alcun potenziale psicotropo.

 

Terpeni

Sono le sostanze chimiche che danno alla cannabis il suo odore distinto. La cannabis contiene un gran numero, nonché una notevole quantità di terpeni. Questi composti possono facilmente evaporare e dunque facilmente adatti all’inalazione da fumo o vaporizzazione. Già oltre 120 differenti terpeni sono stati identificati nella cannabis, e la composizione relativa può essere molto diversa tra i tipi di cannabis. In realtà, ad esempio, i cani da ricerca di droga sono addestrati a riconoscere i terpeni specifici al fine di trovare la cannabis. I Terpeni della cannabis hanno una vasta gamma di effetti biologici noti, come anti-infiammatori, antibiotici o analgesici. Alcuni terpeni sono utilizzati nella regolazione e/o nel cambiare gli effetti di THC e altri cannabinoidi.

 

Le varietà di cannabis

Diversi ceppi di cannabis producono uno spettro differente di costituenti chimici. Alcuni componenti possono essere prodotti solo da ceppi molto specifici, o le stesse componenti possono essere presenti, ma in diverse quantità relative. Come risultato, le proprietà medicinali della cannabis possono variare ampiamente. A causa del gran numero di componenti da considerare, è ancora molto difficile da studiare scientificamente come la composizione chimica di un ceppo di cannabis è legata al suo effetto sulle diverse condizioni mediche.

L’olandese, Bedrocan, coltivatore di cannabis sta ufficialmente sviluppando chimicamente distinte varietà di cannabis con un diverso profilo di cannabinoidi e terpeni. In questo momento, 4 diverse varietà di cannabis sono disponibili nelle farmacie olandesi. Le nuove varietà sono in fase di sviluppo e fanno parte del corso di ricerca e sviluppo del programma di Bedrocan. Qualsiasi nuova varietà ha bisogno di essere completamente standardizzata per garantire una composizione chimica riproducibile e affidabile.

Redazione

<em>Content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, appassionata di gossip, cronaca e curiosità.</em>