Locri, scritte contro Don Ciotti e gli sbirri: le Mafie si fanno sentire

Locri, scritte contro Don Ciotti e gli sbirri: le Mafie si fanno sentire

Scritte contro Don Ciotti e gli sbirri a Locri: le Mafie si fanno sentire.

Sentire e anche leggere. Ma sono mafie, con relativi sostenitori, piuttosto cretine. Non rendersi conto che nel 2017 il mondo è pieno zeppo di telecamere pressoché in ogni dove, e che una quantità impressionante di cellulari sono sotto controllo, è semplicemente demenziale.

La maggior parte dei reati vieni ormai scoperta così. E così quei cretini che hanno pensato di attaccare lo Stato, il Presidente Mattarella e Don Ciotti, saranno individuati e acciuffati, come avviene nella maggior parte dei casi in questi frangenti: con le telecamere.

Una serie di insulti e offese in stile mafioso. Un giorno dopo la presenza di Mattarella a Locri, questa è la reazione: “Più lavoro, meno sbirri, don Ciotti sbirro”.

Vale a dire che quando il lavoro non lo dà lo Stato, lo dà la mafia. E in questo senso il messaggio è inquietante.

E poi ancora: “Don Ciotti sbirro, siete tutti sbirri. Don Ciotti sbirro e più sbirro il Sindaco”. Così ce li abbiamo messi dentro tutti.

Il Procuratore della Dda di Reggio Calabria, Federico Cafiero De Raho, ha già aperto un’inchiesta sull’accaduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *