Moderna, il vaccino più adatto alla variante Delta?

Redazione

Le autorità sanitarie statunitensi hanno confermato che i dati di 3 nuovi studi indicano che il vaccino Moderna ha fornito un grado di protezione più elevato alla luce della diffusione della variante delta, che il rischio di morte per Covid è 11 volte inferiore e la probabilità che i pazienti vengano trasferiti agli ospedali di 10 volte tra le persone che hanno ricevuto dosi complete di vaccini.

I dati provengono da 3 nuove ricerche pubblicate dai Centers for Disease Control and Prevention negli Stati Uniti, venerdì, e tutte hanno confermato l’efficacia dei vaccini Covid nel prevenire eventuali gravi complicazioni in caso di epidemia.

Moderna il vaccino piu efficace contro la variante Delta
foto@Wikimedia

Per ragioni ancora poco conosciute, i dati indicano che il vaccino Moderna ha fornito un grado di protezione più elevato alla luce della prevalenza della variante delta.

La conferma arriva dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato un rigoroso piano di vaccinazione che include l’obbligo per le aziende che impiegano più di 100 persone di vaccinare i dipendenti o di sottoporli a esami settimanali.

Come abbiamo dimostrato studio dopo studio, i vaccini sono efficaci“, ha detto ai giornalisti il ​​direttore dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie Rochelle Walinsky venerdì.

Il primo studio ha esaminato centinaia di migliaia di casi in 13 regioni degli Stati Uniti dal 4 aprile al 19 giugno, il periodo prima della variante delta, e lo ha confrontato con il periodo tra il 20 giugno e il 17 luglio.

Tra i due periodi, una persona vaccinata aveva una probabilità leggermente maggiore di contrarre il Covid-19 (da 11 volte in meno rispetto ai non vaccinati a cinque volte).

E la protezione contro lo sviluppo della condizione nella misura in cui richiede il trasferimento del paziente in ospedale e i decessi sono rimasti stabili, ma sono diminuiti tra le persone di 65 anni e più rispetto a quelle più giovani.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, insieme alla Food and Drug Administration, stanno valutando la necessità di dosi di richiamo ed è probabile che gli anziani saranno i primi a riceverle, mentre l’amministrazione Biden inizierà a rilasciarle alla fine di questo mese.

Uno studio, che ha valutato l’efficacia del vaccino da giugno ad agosto in oltre 400 ospedali, dipartimenti di emergenza e cliniche sanitarie urgenti, ha classificato l’efficacia dei vaccini per marca.

L’efficacia contro la necessità di trasferimento in ospedale è stata massima per Moderna (95 percento), poi Pfizer (80 percento) e infine Johnson & Johnson (60 percento).

L’efficacia complessiva della prevenzione della necessità di trasporto ospedaliero è stata dell’86 percento per tutti i gruppi di età, ma la percentuale è scesa al 76 percento tra gli adulti di età pari o superiore a 75 anni.

I vaccini di Pfizer e Moderna, che utilizzano la tecnologia dell’RNA messaggero (RNA), si sono sempre comportati un po’ meglio di quelli di Johnson & Johnson, che si basano su un adenovirus modificato, probabilmente perché quest’ultimo viene somministrato in una singola dose.

Ma non è ancora chiaro perché Moderna abbia in qualche modo superato Pfizer di fronte alla variante delta.

Next Post

Cancro intestinale, alcune sensazioni possono lanciare l'allarme

Il cancro dell’intestino si sviluppa quando le cellule dell’intestino si dividono e si moltiplicano troppo rapidamente, il che può disturbare il sistema digestivo. Gli specialisti hanno spiegato che la sensazione di non essere in grado di svuotare completamente l’intestino potrebbe essere un segno rivelatore di cancro intestinale. Esistono alcuni segni […]
Cancro intestinale alcune sensazioni possono lanciare allarme