Musei come network virtuali

Redazione

Il nuovo anno avrà più musei come network virtuali è l’augurio che il mondo dell’arte si fa per il 2015.

In Italia, infatti, si punta a bissare anche in altre realtà il successo di Virgil, ossia il primo robot guida turistica nei musei.

La rivoluzione tecnologica è partita lo scorso novembre in Piemonte, dove nello splendido castello di Racconigi, in provincia di Cuneo, tra le guide c’è Virgil

Un Cicerone d’eccezione che, affianca le guide tradizionali, mostrando a turisti e visitatori ambienti del Castello e non solo non inclusi nei normali percorsi turistici.

Un progetto, quello piemontese, frutto della sinergia tra la Direzione per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte, l’Associazione Terre Dei Savoia e Telecom Italia.
Un progetto che, sin dalle battute iniziali, raccoglie consensi ed entusiasma amanti dell’arte e della tecnologia. Con l’arrivo di Virgil i musei si candidano a diventare network virtuali.

Next Post

La truffa corre on line

Ancora email truffa arrivate con la scritta Poste Italiane. Non cessano le email finte e le persone che ci cascano, nonostante lo spazio di Poste Italiane dedicato alle sicurezza. Spazio che avverte i clienti di fare attenzione alle e-mail sospette. “Negli ultimi tempi – scrivono – va diffondendosi un fenomeno […]