Playstation 5, la Sony ancora non riesce a soddisfare il numero di richieste

Redazione

Dalla sua uscita, l’ammiraglia di Sony, la Playstation 5, non è stata in grado di accontentare tutti. Non per le prestazioni della console o per il suo prezzo, ma ovviamente per le poche unità che sono presenti sul mercato.

Pare che la produzione Sony soffra a causa di un componente che manca: il famoso chip a semiconduttore. A tal proposito, Sony non è ancora pronta con la sua console, visto il basso stock disponibile. Ad ogni modo, i giapponesi hanno promesso che la carenza non sarebbe durata .

Playstation 5 la Sony ancora non riesce a soddisfare il numero di richieste

Per ovviare a tutto questo, Sony proporrà quindi una nuovissima home console, che sicuramente venderà sul suo store. Non si tratterà quindi di una versione slim o di una nuova colorazione, ma di un miglioramento hardware della console. Vi abbiamo parlato un po’ prima di un aggiornamento più potente di questo. Tuttavia, non aspettatevi un cambiamento grandioso con questa nuova console, che dovrebbe riprendere il solito schema, a grandi linee.

Sony riprende quindi una strategia già gestita dal suo concorrente, Nintendo. Questo lo aveva fatto per il suo Nintendo Switch, inclusi nuovi componenti, come la famosa antenna WiFi. Questo ha poi permesso di migliorare la connessione wireless.

Sui documenti della FCC si apprende quindi che Sony ha depositato ad aprile la menzione CFI-1115A. Questo documento specifica che la nuova PS5 sarà dotata di un modulo M20DAL1, che dovrebbe migliorare la comunicazione wireless e il WiFi.

Next Post

Svegliarsi prima: contro il rischio depressione

Sembrerebbe che diventare mattinieri ne valga veramente la pena, alzarsi prima, infatti, riduce il rischio di depressione, come mostra un nuovo studio. Alzarsi un’ora prima può ridurre il rischio di depressione maggiore del 23%, secondo un ampio studio pubblicato sulla rivista JAMA Psychiatry alla fine di maggio. I ricercatori delle Università del […]
Svegliarsi prima contro il rischio depressione