Nuovo studio: Il Covid diventerà un raffreddore nei prossimi anni

Redazione

Nel prossimo decennio, il COVID-19 potrebbe diventare meno grave man mano che le popolazioni sviluppano collettivamente l’immunità“, ha affermato il ricercatore di un recente studio Fred Adler, un biologo matematico dell’Università dello Utah.

Il Covid diventera un raffreddore nei prossimi anni

Adler e colleghi si sono attaccati a questa domanda. A tal fine, hanno sviluppato un modello matematico in cui fanno tre ipotesi, alcune delle quali abbiamo già visto confermate durante questa pandemia. Nel loro modello, ad esempio, i ricercatori presumono che i bambini abbiano una possibilità molto piccola di ammalarsi gravemente dopo l’infezione da SARS-CoV-2.

In secondo luogo, il modello presume che gli adulti che sono stati vaccinati con COVID-19 siano protetti contro la malattia grave da SARS-CoV-2.

Infine, il modello presuppone che vi sia una relazione tra il grado di esposizione al virus e la gravità dei sintomi. In termini concreti, i ricercatori presumono, ad esempio, che le persone che sono esposte solo a una piccola quantità di particelle virali di solito sviluppino solo sintomi lievi e, a loro volta, non diffondano così tante particelle virali, in modo che le persone che infettano di nuovo sviluppino principalmente lievi disturbi.

Per gli adulti che sono esposti a grandi quantità di particelle virali, si applicherebbe l’esatto contrario: hanno maggiori possibilità di un decorso grave della malattia e, a loro volta, diffondono molte più particelle virali dopo l’infezione. Allo stesso tempo, possiamo ovviamente prendere misure per proteggerci; ad esempio, il modello tiene conto del fatto che indossare mascherine per il viso e mantenere una distanza riduce il rischio di esposizione a una grande quantità di particelle virali. Hanno maggiori possibilità di un decorso grave della malattia e, a loro volta, diffondono molte più particelle virali dopo l’infezione.

I ricercatori hanno esaminato queste ipotesi e hanno scoperto che insieme portano ad una situazione in cui una percentuale crescente della popolazione sviluppa solo sintomi lievi dopo l’infezione. “All’inizio della pandemia, nessuno aveva mai visto il virus“, spiega Adler. “Il nostro sistema immunitario non era preparato per questo“. Ciò che mostrano i modelli è che man mano che più persone diventano immuni, sia per infezione che per vaccinazione, le infezioni gravi diventano sempre più rare. E alla fine c’è solo un gruppo con un sistema immunitario che non conosce il virus e cioè i bambini piccoli. E questi naturalmente – per ragioni ancora poco chiare – quasi sempre mostrano sintomi molto lievi.

I modelli non tengono conto delle varianti virali che sono poco interessate alla nostra immunità, siano esse ottenute attraverso vaccini o infezioni. “Se i nuovi mutanti portano a malattie gravi anche tra le persone che sono già state infettate o vaccinate, allora il processo come lo descriviamo non funzionerà“.

Quando lo scenario futuro delineato dal modello matematico potrebbe diventare realtà, dobbiamo aspettare e vedere. “Non lo sappiamo per certo, ma pensiamo che se tutte le ipotesi sulla trasmissione e l’immunità reggessero, potrebbe accadere nei prossimi 5-10 anni“, ha detto Adler. I vaccini giocano un ruolo importante in questo. Quindi, mentre ci sono prove provvisorie che i coronavirus sono diventati più innocui in passato anche in assenza di vaccini, Adler spera che i vaccini SARS-CoV-2 accelereranno il processo.

Next Post

Playstation 5, la Sony ancora non riesce a soddisfare il numero di richieste

Dalla sua uscita, l’ammiraglia di Sony, la Playstation 5, non è stata in grado di accontentare tutti. Non per le prestazioni della console o per il suo prezzo, ma ovviamente per le poche unità che sono presenti sul mercato. Pare che la produzione Sony soffra a causa di un componente […]
Playstation 5 la Sony ancora non riesce a soddisfare il numero di richieste