Roma, regista faceva finti provini per approfittarsi delle aspiranti attrici

Redazione

Purtroppo, negli ultimi anni, sono venuti alla luce decine di casi di attrici che, presentatesi a provini ed audizioni per avere una parte in un film o in un spettacolo, sono state costrette a subire molestie, quando non proprio vere e proprie violenze sessuali.

Ma il caso che è venuto alla luce in queste ore è ancora più incredibile e grottesco, perché un uomo si fingeva regista di successo per attrarre e violentare le aspiranti attrici.
L’uomo si faceva chiamare “maestro”, prometteva ingaggi milionari e partecipazioni in colossal internazionali, ma i provini li faceva nel seminterrato della sua Accademia di recitazione a Roma.

L’uomo, 69 anni, è stato tratto in arresto ed ora si trova agli arresti domiciliari con l’accusa di violenza sessuale aggravata e continuata nei confronti di cinque ragazze, di cui tre minorenni all’epoca in cui si sono svolti i fatti.

Il regista su internet cercava ragazze che dovevano essere di “bellissima presenza”, “non troppo alte” e di età compresa tra i “18 e i 22 anni”.

Durante i casting, poi, chiedeva di simulare scene di stupro, ma di finto c’era solo il suo ruolo: le ragazze infatti subivano violenza e molestie, come poi hanno raccontato alle forze dell’ordine.
Per sette anni, secondo le accuse, avrebbe approfittato dei finti provini per abusare delle vittime.

Next Post

Claudio Pinti, arriva la condanna per l’Untore di Ancona

Purtroppo, quando si hanno malattie contagiose, può capitare di trasmettere il proprio virus e la propria patologia perché, quando lo si scopre, magari si sono già avuto rapporti non protetti. Ma la storia che ha per protagonista Claudio Pinti è terribile perché l’uomo, un camionista di Ancona, sapeva bene di […]
Claudio-Pinti-arriva-la-condanna-per-Untore-di-Ancona