Santa Marinella, casa famiglia degli orrori

Redazione

Una casa famiglia dovrebbe essere un luogo dove le persone che vi risiedono dovrebbe trovare un ambiente tranquillo e sereno, diverso da quello dal quale provengono.

In una struttura di Santa Marinella in provincia di Roma, la situazione che si è creata era del tutto opposta ai principi sui quali nascono queste strutture.

La casa famiglia in questione si chiama “Il monello di mare”, la struttura per colpa del suo responsabile e di quattro delle sue collaboratrici si sarebbe trasformata da casa famiglia in “casa degli orrori”.

I reati contestati al responsabile della casa famiglia di Santa Marinella sono di maltrattamenti aggravati, lesioni aggravate e violenza sessuale aggravata per l’uomo sono scattati gli arresti domiciliari. Le collaboratrici sono accusate di maltrattamenti aggravati, ed è stato emesso il divieto di dimora presso la struttura.

Come riporta “La Stampa” le giovani ospiti della casa famiglia, hanno subito violenze fisiche, sessuali, verbali e psicologiche. Inoltre venivano somministrati cibi scaduti e medicinali tipo sedativi e tranquillanti che nessun medico aveva prescritto.

Next Post

Anziana uccisa a Ravenna, il colpevole è il figlio

L’anziana donna trovata morta a Cotignola in provincia di Ravenna lo scorso 14 aprile, sarebbe stata uccisa dal figlio. Pia Rossini, questo il nome della vittima, era stata trovata priva di vita nella sua abitazione, con intorno al collo la cintura dell’accappatoio e a trovare il cadavere della donna era stato […]
Anziana uccisa a Ravenna, il colpevole è il figlio