Shannon Lee contro Tarantino: immagine negativa di Bruce Lee
Shannon Lee contro Tarantino immagine negativa di Bruce Lee

Shannon Lee continua la sua battaglia contro visione che Tarantino mostra di Bruce Lee, confermando che risulta “nello stesso modo in cui la Hollywood bianca trattava mio padre quando era vivo“.

Shannon Lee rimane frustrata con Quentin Tarantino oltre un anno dopo l’uscita di “C’era una volta a Hollywood” a causa della sua convinzione che il ritratto di suo padre, Bruce Lee, nel film stia contribuendo a impressioni negative su di lui. In una recente intervista con il South China Morning Post per promuovere il suo libro “Be Water, My Friend: The Teachings of Bruce Lee“, Shannon Lee ha detto che Tarantino non l’ha mai contattata in merito al contraccolpo sul film e ha ribadito di essere rimasta delusa dal ritratto “irresponsabile” di suo padre.

Shannon Lee contro Tarantino immagine negativa di Bruce Lee
foto@Flickr

È un peccato perché ha iniziato questa narrazione in alcuni punti in cui alcune persone dicono, ‘Oh, Bruce Lee era uno str..o“, ha detto Lee. “Senti, tutti possono essere stro..i a volte. Posso essere arrogante e arrabbiato nella mia vita – è qualcosa che direi di essere generalmente? No, mio ​​padre generalmente non era così. Era estremamente appassionato e motivato.

Lee ha continuato: “A volte poteva avere un carattere irascibile, ma non andava in giro a sfidare le persone a litigare. Certamente non dopo essere stato adolescente. Ad ogni modo, non si è comportato né si è vantato in quel modo … Mio padre ha lavorato molto duramente con l’idea di una rappresentazione autentica a Hollywood per un uomo asiatico, quindi non penso che sarebbe andato in giro a picchiare gli stuntman e quel genere di cose come un modo per promuovere la sua causa.

C’era una volta a Hollywood” di Tarantino presenta un set in cui il personaggio stuntman di Brad Pitt, Cliff Booth, sfida Bruce Lee (interpretato da Mike Moh nel film) in un combattimento sul set di “The Green Hornet”. La lotta include un momento in cui Cliff lancia Bruce Lee contro una macchina. Shannon Lee originariamente aveva condannato Tarantino per aver ritratto suo padre come uno “str…o arrogante pallone gonfiato“, ma Tarantino ha difeso la rappresentazione mettendo in risalto che si trattava semplicemente di un racconto di fantasia e perché “Bruce Lee era una specie di ragazzo arrogante” in base alle ricerche effettuate. La rappresentazione critica di Bruce Lee è ampiamente ritenuta essere la ragione per cui la Cina ha rifiutato di rilasciare la pellicola nei cinema.

Riflettendo sul contraccolpo di questo mese al South China Morning Post , Shannon Lee ha detto: “Ho cercato di affrontarlo da un punto di vista diretto, a mente fredda e più calma, e sono rimasta molto delusa nel vedere la risposta di Quentin Tarantino, che era continuare a dire: “Oh, Bruce Lee era arrogante, era uno stro..o” e citare erroneamente il libro di mia madre come difesa di lui. Ho davvero pensato che fosse irresponsabile da parte sua fare quello che ha fatto e avere quel ritratto “.

C’erano tanti altri modi creativi in ​​cui avrebbe potuto rendere il personaggio di Cliff Booth fantastico in quel film“, ha continuato Lee. “Così tanti altri modi in cui avrebbe potuto trattare il personaggio di Bruce Lee che avrebbero avuto lo stesso punto della trama senza dover essenzialmente trattare Bruce Lee come la Hollywood bianca trattava mio padre quando era vivo.

Potrebbero interessarti

Bullismo, 12enne picchiata da due ragazzine e ripresa con il cellulare

Giorno dopo giorno in televisione e sul web è possibile ascoltare e…

Pino Daniele,le sue ceneri a Napoli per dieci giorni e poi la sepoltura a Magliano

E’ già trascorsa una settimana dal giorno in cui a Roma si…

Concerto gratuito a Piazza Farnese con Irene Grandi e Emilie Simon

Oggi a partire dalle ore 20.30, a Piazza Farnese, si esibiranno per…

Tempesta tropicale rovina la luna di miele dei Signori Clooney

Dopo un matrimonio da favola ,il viaggio di nozze è stato un…