Ott 30, 2020

24Hlive.it

Tutte le news del web

Stati Uniti: Gatto morto per coronavirus, sotto indagine

Gatto morto per coronavirus sotto indagine

Funzionari dell’Alabama stanno indagando sulla morte di un gatto risultato positivo alla nuova ondata di coronavirus 

Secondo un comunicato stampa del dipartimento della salute, i funzionari dell’Alabama Department of Public Health (ADPH) e del Alabama Department of Agriculture and Industries (ADAI) stanno esenguendo le doverose indagini del caso .

Il gatto, di Opelika, Alabama, è risultato positivo per la prima volta al COVID-19, presso il Thompson Bishop Sparks State Veterinary Diagnostic Laboratory di Auburn. 

Tuttavia, “i patologi veterinari di laboratorio hanno trovato lesioni significative nel sistema nervoso che tipicamente indicano infezioni batteriche, suggerendo che il virus SARS-CoV-2 NON era la causa principale di morte“, hanno detto i funzionari. 

Ai National Veterinary Services Laboratories (NVSL) sono stati quindi inviati campioni aggiuntivi, confermando in seguito che il gatto era effettivamente positivo al nuovo virus. 

Gatto morto per coronavirus sotto indagine

I veterinari della sanità pubblica con i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) “hanno scoperto che in quasi tutti i decessi di animali associati al virus SARS-CoV-2, gli animali avevano più infezioni o avevano problemi di salute sottostanti allo stesso tempo. Finora, si ritiene che meno di 10 morti di animali negli Stati Uniti siano state associate alla pandemia di COVID-19 ”, affermano i funzionari. 

C’è ancora molto che non sappiamo sulla frequenza con cui gli animali vengono infettati, quindi questa è stata un’opportunità per noi di raccogliere informazioni che potrebbero aiutarci a prevenire più infezioni negli animali da compagnia“, ha detto il dottor Dee W. Jones, veterinario statale della sanità pubblica, in una dichiarazione.  

Dall’inizio della pandemia, ci sono state varie segnalazioni di gatti – sia domestici che selvatici – che hanno contratto il virus dall’uomo. Una tigre allo zoo del Bronx a New York, ad esempio, è risultata positiva al coronavirus all’inizio di aprile dopo essere stata probabilmente esposta ad esso da un lavoratore infetto. Poi, più tardi quello stesso mese, due gatti a New York sono diventati i primi animali domestici negli Stati Uniti a risultare positivi .

Tuttavia, in questo momento, gli esperti hanno sostenuto che ci sono prove limitate che suggeriscono che gli animali domestici possono diffondere il virus agli esseri umani. In effetti, “i casi di SARS-CoV-2 negli animali sono ritenuti molto rari e si sono verificati principalmente da 5 a 10 giorni dopo l’esposizione a un essere umano positivo“, hanno detto i funzionari sanitari dell’Alabama. 

Copyright 2012 © 24hlive.it All rights reserved. | Newsphere by AF themes.