USA: troppi militari obesi e stanchi, lo conferma un rapporto

USA troppi militari obesi e stanchi lo conferma un rapporto

Un numero impressionante di militari delle truppe è grasso e stanco, la conferma arriva da un rapporto recente

Un rapporto RAND 2018 sulla promozione della salute e la prevenzione delle malattie ha dipinto un quadro imbarazzante degli standard di idoneità fisica dei militari.

Lo studio, con circa 18.000 partecipanti selezionati a caso in ciascuna delle filiali di servizio, ha mostrato che quasi il 66% dei membri del servizio è considerato in sovrappeso o obeso, in base all’uso militare dell’indice di massa corporea come standard di misurazione.

Mentre il numero di membri in sovrappeso è un motivo di preoccupazione, è correlato all’epidemia di obesità che affligge gli Stati Uniti, dove, dal 2015, un giovane su tre è considerato troppo grasso per arruolarsi, creando un ambiente dove per i reclutatori diventa davvero difficile trovare candidati idonei per il servizio militare.

Ripartito dal servizio, il rapporto del 2018 elenca l’esercito come la branca che conta la più alta percentuale di truppe sovrappeso, con il 69,4% dei soldati che rientrano in questa categoria.

L’esercito è stato seguito dalla Guardia costiera (67,8%), Marina (64,6%), Air Force (63,1%) e Marine Corps (60,9%).

Un’altra area di preoccupazione eclatante evidenziata nello studio è stata l’incapacità dei militari di dormire adeguatamente.

Quasi il 9% del personale militare ha riferito di aver utilizzato farmaci per dormire “ogni giorno” o “quasi ogni giorno“.

L’esercito ha riferito il più alto tasso di preoccupazioni per il sonno, con il 10,6 per cento dei soldati che hanno tali problemi. Marines (9,9%), aviatori (7,5%) e marinai (6%) hanno aggiunto numeri alla problematica della categoria militare.

In termini di problemi di sonno, il 59,4 per cento dei soldati ha riferito di riuscire a dormire meno del necessario, e il 33,2 per cento ha risposto che la mancanza di sonno ha contribuito a essere regolarmente invasi da una sensazione di carenza di energia.

Il personale degli altri servizi militari, in particolare la Marina e il Corpo dei Marines, ha riferito di aver sperimentato i suddetti problemi del sonno ad un ritmo simile.

Un’ampia rassegna del 2017 dei registri ospedalieri e ambulatoriali, databile dal 2005 al 2014, per il personale militare in servizio attivo ha rilevato che sia l’insonnia e l’apnea notturna sono in aumento, secondo il Journal of Sleep Research .

“I disturbi del sonno sono un problema serio che interferisce con la capacità dei soldati di svolgere il proprio lavoro in modo efficace“, ha detto alla Reuters Harris Lieberman, autore dello studio e specialista della nutrizione militare presso l’Istituto di ricerca ambientale degli Stati Uniti .

Simili preoccupazioni per il sonno nella flotta della Marina sono state esaminate quest’anno in seguito alle fatali collisioni del servizio che hanno coinvolto i cacciatorpediniere Fitzgerald e John S. McCain.

In risposta ai resoconti dei marinai sulla “privazione del sonno” dovuta ai tempi operativi assurdi della Marina, i massimi esponenti hanno attuato una politica che prevedeva programmi di controllo revisionati che meglio si allineavano ai ritmi circadiani dei marinai, una mossa progettata per consentire periodi di riposo migliori.

L’indagine sul comportamento correlato alla salute del rapporto RAND è stata emessa periodicamente per 30 anni dal Dipartimento della Difesa nel tentativo di valutare al meglio le condizioni della forza combattente del paese.

Le voci di indagine tradizionalmente esaminate comprendono la promozione della salute e la prevenzione delle malattie, l’uso di sostanze, la salute mentale e fisica, i comportamenti sessuali e le esperienze di dispiegamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *