Vaccini: Pfizer meno efficace contro la variante indiana

Redazione

La vaccinazione completa Pfizer, con due dosi, avrebbe mostrano un’efficacia “leggermente ridotta” contro la variante coronavirus indiana, rispetto a quella britannica. L’Institut Pasteur francese conclude che dopo i test di laboratorio. Secondo lo studio, una dose del vaccino AstraZeneca è “poco o inefficace” contro la variante indiana del coronavirus.

Il vaccino Pfizer/BioNTech produce anticorpi in grado di neutralizzare la variante indiana del coronavirus, conclude il rinomato istituto in un nuovo studio, apparso solo in una pre-pubblicazione . Secondo i ricercatori, in laboratorio è stato riscontrato solo un effetto leggermente ridotto contro la variante rispetto alla variante britannica

Pfizer meno efficace contro la variante indiana

Nonostante l’effetto leggermente ridotto, il vaccino Pfizer è quindi probabilmente protettivo“, ha detto il ricercatore Olivier Schwartz all’agenzia di stampa francese AFP.

Tuttavia, ci sono meno buone notizie sul vaccino AstraZeneca. I test mostrano che una singola dose di esso “offre pochissima protezione contro la varietà indiana e sudafricana“. Rispetto alla variante britannica, il vaccino si è dimostrato efficace. Ma la prima dose di AstraZeneca è “poco o per niente efficace” rispetto alla variante indiana, secondo Schwartz. La variante è stata identificata per la prima volta in India nell’ottobre 2020 e da allora si è diffusa in tutto il mondo.

I risultati sono particolarmente importanti per la vaccinazione con AstraZeneca, poiché c’è un lungo intervallo di 8 o 12 settimane tra le due vaccinazioni con AstraZeneca e, di conseguenza, la stragrande maggioranza della popolazione ha ricevuto solo una dose. La mancanza di dati sufficienti è anche il motivo per cui l’Institut Pasteur non è ancora stato in grado di determinare l’efficacia di entrambe le dosi di AstraZeneca contro la variante indiana.

Gli esperti però tengono a precisare che si tratta di test in un ambiente di laboratorio. Uno studio del British Public Health Service in un contesto di “vita reale” la scorsa settimana ha mostrato che i vaccini erano leggermente meno efficaci, ma si comportano comunque bene contro le varianti del coronavirus. Secondo lo studio britannico, il vaccino di Pfizer/BioNTech è risultato essere efficace all’88% contro la variante indiana del virus due settimane dopo la seconda dose. Il vaccino è efficace al 93% contro la variante britannica. Il vaccino di AstraZeneca è risultato efficace al 60%, rispetto al 66% della variante britannica.

Next Post

Nuovo studio: Il Covid diventerà un raffreddore nei prossimi anni

“Nel prossimo decennio, il COVID-19 potrebbe diventare meno grave man mano che le popolazioni sviluppano collettivamente l’immunità“, ha affermato il ricercatore di un recente studio Fred Adler, un biologo matematico dell’Università dello Utah. Adler e colleghi si sono attaccati a questa domanda. A tal fine, hanno sviluppato un modello matematico […]
Il Covid diventera un raffreddore nei prossimi anni