Vaccino Covid: La terza dose è necessaria?

Redazione

La dottoressa Catherine O’Brien, responsabile per i vaccini e l’immunologia dell’OMS, ha identificato che in realtà ci sono tre ragioni per cui sarebbe auspicabile una dose extra del vaccino Covid-19 e delle sue varianti.

Nel programma “Science in Five”, trasmesso proprio dall’Organizzazione Mondiale della Sanità sul portale ufficiale, O’Brien ha affermato che la prima ragione è se è un gruppo di persone che non ha risposto adeguatamente alle prime due dosi che sono state somministrate, le ho ricevute, poiché alcune informazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità affermavano che potrebbe essere necessario ricevere una terza dose per le persone immunocompromesse, purché poiché le due dosi del vaccino non hanno ottenuto gli stessi risultati osservati nelle persone normali e sane.

Vaccino Covid La terza dose necessaria
foto@Wikimedia

A questo si aggiunge che l’immunità acquisita dalla persona a seguito della vaccinazione inizia a diminuire e deteriorarsi nel tempo. Ma in effetti, le prove ora mostrano che i vaccini reggono molto bene in termini di protezione da malattie gravi, ospedalizzazione o persino morte, indicando che gli esperti di salute globale non vedono prove evidenti che portino alla necessità di fornire una terza dose per le persone che sono già state vaccinate.

La terza ragione, afferma la dott.ssa O’Brien, è che le prestazioni dei vaccini sono inferiori o insufficienti rispetto ad alcune delle preoccupanti variabili emerse di recente, e ha aggiunto che ribadisce che i vaccini attualmente disponibili sono antivariabili e che il L’Organizzazione mondiale della sanità monitora molto attentamente la resilienza dei vaccini in Molto bene, i vaccini funzionano contro l’esposizione a un caso grave di Covid, spiegando che in generale i vaccini funzionano molto bene.

O’Brien ha spiegato che se i pazienti non rispondono adeguatamente alle prime due dosi, vengono vaccinati con una terza dose, ma a parte la protezione che un richiamo offre alle persone, ci sono alcune altre considerazioni che gli scienziati devono sapere

Certamente non ci sono ancora prove conclusive che sia necessario un richiamo tra la maggior parte delle persone che sono già state vaccinate, ha detto O’Brien. Le considerazioni sulla sicurezza relative alla somministrazione di una terza dose devono essere ulteriormente studiate per garantire la sicurezza dei destinatari della dose di richiamo prima di poter formulare tali raccomandazioni.

Ha sottolineato che la situazione attuale è che le vaccinazioni con cui sono stati vaccinati sono ancora in regola per proteggere dai casi di malattia grave e prevenire la necessità di cure ospedaliere o decessi, rilevando che questo è l’obiettivo principale dei vaccini.

Next Post

Herpes: Il virus collegato a malattie neurodegenerative

Il virus dell’herpes potrebbe essere la causa della demenza, secondo un gruppo di scienziati negli Stati Uniti. La proteina optineurina limita la diffusione del virus nella fase in cui non ha il tempo di infettare le cellule nervose, tuttavia, se ciò non accade, la persona infetta aumenta il rischio di […]
Herpes Il virus collegato a malattie neurodegenerative