Cioccolato fondente e burro di cacao fonte di vitamina D

Redazione

Cioccolato fondente e burro di cacao sono importanti fonti di vitamina D

Burro di cacao e cioccolato fondente possono essere una fonte significativa di vitamina D e possono aiutare a ridurre il rischio di malattie respiratorie e fragilità ossea, secondo un recente studio scientifico.

La vitamina D è fondamentale per il corpo umano. Si presenta in due tipi: vitamina D2 e ​​D3. La vitamina D3 è prodotta nella pelle umana attraverso l’esposizione al sole.

Gli esseri umani ottengono il 90% del loro fabbisogno di vitamina D in questo modo, il resto è idealmente consumato attraverso il cibo, come il pesce grasso o le uova di gallina. La vitamina D2, che può essere utilizzata anche dal corpo umano, si trova principalmente nei funghi.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Food Chemistry, ha scoperto che il cacao e gli alimenti contenenti cacao hanno quantità significative di vitamina D2. “Molte persone non hanno abbastanza vitamina D. Il problema aumenta nei mesi invernali quando il sole scarseggia“, ha affermato Gabriele Stangl della Martin Luther University Halle-Wittenberg (MLU) in Germania.

I ricercatori hanno studiato il contenuto di vitamina D del cacao e i prodotti contenenti cacao perché sospettavano che contenessero una fonte di vitamina precedentemente sconosciuta.

I semi di cacao vengono essiccati dopo la fermentazione, sono posti su stuoie e esposti al sole per una o due settimane. I precursori della vitamina D, che presumibilmente provengono da funghi innocui, vengono trasformati dalla luce solare in vitamina D2.

Cioccolato fondente e burro di cacao fonte di vitamina DPer testare la loro teoria, il gruppo di ricerca ha analizzato vari prodotti e polveri di cacao utilizzando la spettrometria di massa all’avanguardia. Quello che hanno scoperto è che i prodotti contenenti cacao sono davvero una fonte di vitamina D2, ma la quantità varia notevolmente da cibo a cibo. Mentre il cioccolato fondente ha un contenuto di vitamina D2 relativamente alto, i ricercatori ne hanno trovato pochissimo nel cioccolato bianco.

Questo non è sorprendente dato che il contenuto di cacao presente nella cioccolata bianca è significativamente inferiore e conferma la nostra teoria che il cacao è fonte della vitamina D2“, ha affermato Stangl.

I risultati naturalmente non spingono i ricercatori a raccomandare il consumo di grandi quantità di cioccolato.

Bisognerebbe mangiare enormi quantità di cioccolato per coprire i tuoi fabbisogni di vitamina D, ciò sarebbe estremamente malsano a causa dell’alto contenuto di zuccheri e grassi“, ha affermato Stangl.

Invece, i risultati dello studio sono importanti per ottenere dati accurati sui nutrienti medi consumati dalla popolazione.

Next Post

Solid la nuova visione della rete di Tim Berners-Lee

Tim Berners-Lee ha lanciato la sua visione di una rete alternativa chiamata Solid Tim Berners-Lee ha inventato il world wide web e oggi guarda ad una nuova visione d’insieme proprio per la rete; in un post pubblicato su Medium sabato , Berners-Lee ha delineato ciò che stava facendo, si tratta di un […]
Solid la nuova visione della rete di Tim Berners-Lee