Coronavirus: Le mascherine non servono contro l’esposizione prolungata
Coronavirus Le mascherine non servono contro esposizione prolungata

Indossare la mascherina non garantisce la propria sicurezza dal COVID-19 se indossata in prossimità di una persona infetta, per più di 15 minuti, secondo le linee guida dei Centri statunitensi per il controllo delle malattie.

Le linee guida raccomandano che chiunque abbia trascorso circa 15 minuti o più entro una determinata distanza da qualcuno con COVID-19 dovrebbe “rimanere a casa fino a 14 giorni dopo l’ultima esposizione e mantenere la distanza sociale dagli altri in ogni momento. Indipendentemente dal fatto che la persona con COVID-19 o il contatto indossasse una maschera o se il contatto indossasse dispositivi di protezione individuale delle vie respiratorie (DPI).

Mentre la ricerca indica che le mascherine possono aiutare coloro che sono infetti contro la diffusione dell’infezione, ci sono meno informazioni sul fatto che le maschere offrano una protezione per un contatto esposto a un paziente sintomatico o asintomatico“, ha spiegato il CDC. “Pertanto, la determinazione del contatto ravvicinato dovrebbe essere presa indipendentemente dal fatto che la persona con COVID-19 o il contatto indossasse una mascherina. Poiché il pubblico in generale non ha ricevuto formazione sulla corretta selezione e uso dei DPI respiratori, non è possibile stabilire con certezza se i DPI respiratori indossati durante il contatto con un individuo con infezione da COVID-19 li abbiano protetti dall’esposizione “.

Un’analisi aggregata di 10 studi controllati che valutano l’utilizzo di mascherine estese, reali e non sanitarie ha rivelato che il mascheramento non ha ridotto il tasso di infezioni provate in laboratorio con il virus respiratorio influenzale. Ha scritto il dottor Andrew Bostom della Brown University . “I risultati di questo rapporto unico, pubblicato nel maggio 2020 dalla ‘rivista interna’ ‘Emerging Infectious Diseases’ del CDC, sono direttamente pertinenti alla questione del mascheramento per prevenire l’infezione da COVID-19 e meritano alcune elaborazioni“.

Coronavirus Le mascherine non servono contro esposizione prolungata

Inoltre, gran parte dello scetticismo sulle mascherine è dovuto al CDC e ad altre autorità sanitarie pubbliche che inviano segnali contrastanti sull’argomento. Nei primi giorni dell’epidemia di coronavirus, il CDC ha consigliato di indossare la mascherina.

Recentemente, il CDC ha anche riconosciuto che la stragrande maggioranza degli americani ufficialmente registrati come, in gravi condizioni, a causa del COVID-19 aveva anche altri fattori che contribuivano alla loro morte, e il New York Times ha riferito che i test primari attualmente utilizzati sono così sensibili che “la maggior parte” di i casi positivi che identificano “non sono suscettibili di essere contagiosi” perché “potrebbero trasportare quantità relativamente insignificanti del virus“.

A partire dal 1 settembre, si stima che gli Stati Uniti siano arrivati a 6,2 milioni di casi di COVID-19 con oltre 188.000 decessi e 3,4 milioni di guarigioni. Ma dubbi e dibattiti hanno circondato quei numeri tutto l’anno, grazie in parte a varie agenzie sanitarie che hanno ammesso di aver contato chiunque fosse risultato positivo al COVID-19 prima di morire come causa del virus, indipendentemente dalla loro effettiva causa di morte.

Potrebbero interessarti

A Parigi quattro bambini segregati in casa dalla nascita

A Parigi quasi un film dell’orrore, una vicenda che ha dell’incredibile. Quattro…

Francia, amministrative: confermata la debacle dei socialisti

Francia, debacle dei socialisti alle amministrative. Anche il secondo turno delle elezioni…

In Turchia crolla una miniera, ennesima tragedia sul lavoro

Ennesima tragedia, ennesime vittime del lavoro, di lavori spesso sottopagati e senza…

Messico cinque adolescenti uccidono per gioco un bambino

Una tragedia che sembra tratta da un film horror ed invece è…