Keanu Reeves, la nuova compagna linciata sui social

Redazione

Potrà una donna sentirsi libera di acconciare e tingere i capelli come vuole, indossare gli abiti che più le aggradano e decidere di non ricorrere alla chirurgia anche se qualche particolare fisico non rasenta la perfezione.

A quanto pare no, soprattutto se si “sceglie” di essere la nuova chiacchieratissima, ed anche “insultatissima” fidanzata di Keanu Reeves.

Dopo anni da solo, il bell’attore ha deciso di mostrarsi al mondo mano nella mano assieme alla sua nuova compagna: lei si chiama Alexandra Grant, ha 46 anni e prima di essere la fidanzata di Keanu è da anni una delle sue migliori amiche, oltre che partner professionale. 

I due lavorano assieme da quasi un decennio e nessuno ha mai avuto nulla da ridire, almeno non fino a quando lei ha deciso di fare coppia fissa con uno gli uomini più ammirati del paese.

Apriti cielo: Alexandra non rispecchia affatto i canoni estetici che in tanti si erano immaginati dovesse avere la compagna dell’attore, ed è stata quindi bombardata di insulti sui social.

Poco importa che, se Keanu l’ha scelta come compagna di vita, piace a lui ed è questo l’unica cosa che conta: Alexandra non sarebbe abbastanza bella, abbastanza curata, non si prenderebbe cura dei suoi capelli, che sfoggia grigi e non tinti.

“Sembra sua mamma”, tuonano su twitter, dove viene dato risalto ai capelli grigi della Grant. “A me non piacciono insieme, li vedo male assortiti. Keanu Reeves, col capello lungo, tinto e la barba, mi dà aria di sudicio. Lei sembra sua nonna” ed ancora “Per la serie #NeverGiveUp c’è sempre una speranza per tutte. Praticamente Keanu, s’è fidanzato co mi nonna!”.

Ed ancora migliaia di commenti tutti simili, per la maggior parte provenienti da donne, a dimostrare che spesso pretendiamo un rispetto che non siamo disposte a dare.

foto@Flickr

Next Post

Per la Cassazione la “tempesta emotiva” è attenuante nell’omicidio

Davanti a certe sentenze viene veramente da pensare e da chiedersi: come si potrà mai diffondere una nuova cultura in cui la donna venga realmente rispettata e considerata paritaria all’uomo quando è la stessa giustizia a trovare fin troppo spesso una giustificazione agli uomini che uccidono? Per la suprema Corte […]
Udine 38enne suicida dopo la condanna per aver ucciso la fidanzata