Ven. Ago 23rd, 2019

24Hlive.it

Tutte le news del web

La depilazione pubica espone al rischio di AIDS e riduce il piacere

La depilazione pubica espone al rischio di AIDS e riduce il piacere

Attenti alla depilazione pubica se non volete contrarre pericolose malattie che si trasmettono sessualmente come AIDS, Papilloma virus, herpes, funghi e sifilide.

Depilarsi le parti intime è molto rischioso perché aumenta il rischio di trasmissione delle malattie sessuali. L’allarme arriva dall’Accademia spagnola di Dermatologia di Barcellona e dall’Health Center Western Washington University.

I ricercatori hanno condotto uno studio su trenta soggetti che avevano contratto il Papilloma virus. Ebbene quasi tutti i pazienti presentavano le parti intime depilate.

Oltre a questa infezione, i pazienti presentavano anche altri problemi legati alla depilazione: verruche, infezioni batteriche, cicatrici e peli incarniti. Il consiglio, dunque è quello di non depilare le zone intime del corpo.

I peli, infatti, svolgono un ruolo importante e non solo nella prevenzione delle malattie veneree: proteggono il corpo dagli agenti estranei come batteri patogeni e polvere, prevengono le irritazioni della pelle e, al contrario di quanto si possa credere aumentano la sensibilità.

Perciò senza peli pubici anche il piacere intimo si riduce notevolmente. Tra l’altro, senza peli pubici, anche la protezione del preservativo funziona a metà. Per questo i ricercatori ritengono assurda la moda della depilazione completa delle parti intime in voga soprattutto in Europa e in America.La depilazione pubica espone al rischio di AIDS e riduce il piacere

Loading...

5 thoughts on “La depilazione pubica espone al rischio di AIDS e riduce il piacere

  1. Dov’è il riferimento allo studio? Un link ad esempio?
    Di quanto verrebbe aumentato questo rischio?
    Come sono stati eseguiti i test sperimentali?
    Lo studio è stato sottoposto a peer-review?

    Da quello che leggo nel vostro articolo parrebbe che questi signori abbiano tratto conclusioni solo sulla base di quelle 30 persone. Siamo sicuri che le malattie che presentavano e la depilazione fossero in qualche modo correlate? Mi sembra un tantino prematuro per lanciare allarmi di questo tipo.

    1. Gli ultimi studi si riferiscono a un campione di 30 persone, ma l’Accademia di Barcellona sta studiando il problema da anni. In ogni caso, non è necessario leggere notizie sensazionalistiche per sapere che i peli hanno una funzione protettiva. Lo può leggere in qualsiasi manuale di anatomia. Madre Natura non fa mai nulla a caso. Grazie per la visita.
      Cordialmente

    2. Ecco qualche link come richiesto. Per il resto può farsi un giro in rete e vedrà che molti studi affermano che la depilazione aumenta il rischio di malattie sessualmente trasmissibili e, come lei spero saprà, l’AIDS è la malattia sessualmente trasmissibile per eccellenza. http://ultimissimecalcionapoli.it/2792939_depilazione-pubica-rischio-infezioni
      http://www.mybestlife.com/ita_salute/news-2013-mar/25032013-depilazione-virus.htm
      http://www.adelesparavigna.it/news_dal_mondo/depilazione_intima_e_malattie_a_trasmissione_sessuale

  2. Suggerirei all’autrice di leggere meglio il comunicato stampa originale.
    Per quanto mettere nel titolo la parola AIDS possa aiutare a far aprire il suo articolo a più persone, la questione è fondamentalmente sbagliata, ed altro non fa se non alimentare la già non indifferente confusione (compresa la sua) in merito alla malattia.

    1. L’autrice ha letto non solo il comunicato stampa originale, ma anche parte dello studio pubblicato. L’AIDS è una malattia che si trasmette soprattutto sessualmente. Tra l’altro, a supporto di quanto scritto, nell’articolo si sottolinea anche che, in assenza di peli, l’azione protettiva del preservativo stesso si riduce della metà. Grazie per la visita.
      Buona giornata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading...
Copyright 2012 © 24hlive.it All rights reserved. | Newsphere by AF themes.