La dieta di Scandi Sense, cosa dicono i nutrizionisti

Redazione

La dieta Scandi Sense è considerata la dieta più semplice del mondo, ma cosa pensano i nutrizionisti

La dieta Scandi Sense è stata soprannominata “la dieta più semplice del mondo” e, come si potrebbe immaginare, sta cominciando ad avere un grosso seguito. E ‘stata sviluppata da una donna scandinava (da cui la “Scandi“) dalla Danimarca di nome Suzy Wengel, che è il direttore di una società di biotecnologie e un consulente nutrizionale, secondo la sua biografia. Wengel dice di aver perso circa 40 kg in 9 mesi usando il suo piano autosviluppato. Ma cosa pensano i nutrizionisti riguardo a questa dieta, ci aiuta il portale Health.com che esamina i pro e i contro.

Dieta Scandi Sense: i pro

Ci sono alcune cose che piacciono molto dell’approccio di Wengel. Innanzitutto, non richiede il conteggio delle calorie.

La qualità del cibo, l’equilibrio e la tempistica dei pasti sono importanti quanto l’apporto calorico totale. Dopo tutto, una fetta di torta da 500 calorie non equivale a 500 calorie da verdure, salmone selvatico, avocado e frutti di bosco. Inoltre, la ricerca mostra che il conteggio delle calorie è stressante e per molte persone non è sostenibile. Se ti concentri solo sulle porzioni, puoi controllare automaticamente le calorie.

Come Wengel descrive nel suo libro The Scandi Sense Diet, coloro che seguono la dieta usano i palmi delle mani per misurare la quantità di cibo che dovrebbero mangiare per i loro tre pasti giornalieri. Fino a quattro manciate sono consentite per pasto, oltre a 1-3 cucchiai di grasso, così come alcuni prodotti lattiero-caseari o alternative lattiero-caseari, come il latte di mandorle.

Il piano richiede due manciate di verdure, una manciata di proteine ​​e una manciata di carboidrati, queste proporzioni possono portare ad un sano equilibrio di macronutrienti s (proteine, carboidrati e grassi). Il piano può anche essere adattato se mangi senza glutine,  sei vegetariano o vegano.

Un altro vantaggio è che il piano consente indulgenze, tra cui alcol e dolcetti, e ti insegna come adattarli. Questo può essere considerato fondamentale, perché per molte persone non è realistico vivere senza alcol e dolci. Per la perdita di peso e il mantenimento del peso a lungo termine, è importante imparare come includere le indulgenze in modo equilibrato. Un approccio troppo rigoroso può ritorcersi contro e intralciare risultati duraturi.

Dieta Scandi Sense: i contro

Ora qui ci sono alcune cose che in effetti fanno storcere il naso. La Scandi Sense Diet non fa distinzione tra i cibi all’interno della stessa categoria di macronutrienti. Ad esempio, sia l’avocado che la margarina sono considerati grassi. Ma questi alimenti sono molto diversi in termini di impatto sulla salute. Allo stesso modo, la tua dose di carboidrati potrebbe essere raffinata (come la pasta) o frutta fresca.

Inoltre, non piace che sia permesso di risparmiare per pasti più grandi. Il piano consente di dimezzare i primi due pasti e consumare un pasto più grande in un secondo momento. L’esperienza dei nutrizionisti conferma che questo tipo di strategia può portare a mangiare troppo all’ultimo pasto, perché a quel punto sei troppo affamato. Inoltre, consumare calorie in eccesso a tarda sera, in un momento in cui sei meno attivo, può portare a un surplus calorico che il tuo corpo non può bruciare. Mentre questo va bene occasionalmente, uno schema ripetuto può rovinare i risultati e buttare via l’appetito il giorno seguente.

Infine, mentre il concetto alla base della dieta Scandi Sense può sembrare incredibilmente semplice, l’esecuzione può essere complicata. Ad esempio, il piano prevede da uno a tre cucchiai di grasso per pasto. Se hai scelto tre cucchiai di noci, avresti circa 170 calorie. Ma se scegli tre cucchiai di olio extra vergine di oliva, ne consumerai quasi il doppio (oltre 350 calorie). Hai bisogno di avere maggiori conoscenze per fare le tue scelte e determinare quale porzione ha senso. Poi ci sono domande come cosa bere e come gli alimenti con più di un tipo di macronutrienti (come i fagioli e la farina di mandorle) si adattano alla dieta.

Nel complesso, in realtà non è proprio questa la dieta più semplice del mondo. Ma la dieta Scandi Sense può essere un’ottima opzione per le persone che cercano un approccio “tutti gli alimenti possono adattarsi“. Ed è abbastanza ragionevole da diventare uno stile di vita, al contrario di una dieta di breve durata.

foto@PxHere

Next Post

Ecco la nuova via terapeutica per l'insonnia

Una nuova via terapeutica per il trattamento dell’insonnia è realtà L’insonnia è uno dei principali problemi di sonno con una prevalenza stimata tra il 10% e il 15% nella popolazione generale e tra il 30% e il 60% nella popolazione anziana. Adesso più che mai, con il ritorno dell’ora solare, […]
Ecco la nuova via terapeutica per insonnia