Psoriasi a placche, mai mettere da parte le terapie tradizionali

Redazione

Psoriasi a placche ecco quali sono le terapie tradizionali da non scartare

I farmaci biologici hanno dimostrato di essere un trattamento efficace nella psoriasi a placche, ma i medici tendono a non scartare le terapie più tradizionali per il trattamento della psoriasi.

Secondo Laura Ferris, MD, Ph.D., dermatologo dell’Università di Pittsburgh, le terapie sistemiche e le piccole molecole tradizionali possono ancora essere opzioni di trattamento efficaci per molti pazienti.

Semplicemente perché un farmaco è più vecchio non significa che non sia efficace“, ha detto la Ferris. “Hanno il loro ruolo da svolgere nella terapia, e dobbiamo stare tranquilli nell’usarli“.

Durante la sua presentazione alla ventesima riunione annuale della National Psoriasis Foundation, il Dott. Ferris ha discusso riguardo l’utilizzo di diversi farmaci, tra cui il metotrexato e la ciclosporina, e come possano ancora essere valide alternative per un gran numero di pazienti.

Avere conoscenza di queste terapie tradizionali espande le possibilità di scelta per il paziente. Non tutti i pazienti rispondono ad ogni farmaco“, ha detto. “È necessario conoscere e trovare sempre più opzioni per i pazienti più difficili da trattare“.

Insieme alla discussione su quali terapie di molecole tradizionali e di piccole dimensioni possono essere utilizzate nella cura del paziente, il Dr. Ferris ha commentato una nuova ricerca che getta luce su come il metotrexato funzioni effettivamente. Ora, i ricercatori hanno una migliore comprensione del ruolo svolto dal metotrexato nella sovraregolazione della funzione delle cellule T regolatorie.

C’è anche un’ulteriore ricerca in corso sul modo migliore di utilizzare il metotrexato sottocutaneo, ha detto, così come un nuovo lavoro su come il farmaco potrebbe avere un impatto sulla fertilità maschile. Il Dr. Ferris discute anche degli effetti dell’acitretina e del tofacitinib sulla modulazione del sistema immunitario e dell’artrite psoriasica.

Si dovrebbe avere anche più comprensione possibile delle terapie naturali che i pazienti potrebbero perseguire. Questo può essere difficile, ha detto, perché non ci sono molti dati clinici sulle terapie naturali. Tuttavia, recenti ricerche sulla curcumina indicano che inibisce le chinasi fosforilasi che aumentano nella psoriasi. Secondo i dati, la curcumina è sia sicura che efficace.

Inoltre, Ferris conferma che bisogna essere consapevoli che i pazienti non solo entrano in contatto con la malattia della pelle, ma possono potenzialmente contrarre una varietà di altri fattori che devono essere affrontati. Di conseguenza, i medici devono avere una buona conoscenza pratica delle terapie tradizionali per sapere quali opzioni di trattamento funzioneranno meglio senza causare complicazioni.

Next Post

La dieta di Scandi Sense, cosa dicono i nutrizionisti

La dieta Scandi Sense è considerata la dieta più semplice del mondo, ma cosa pensano i nutrizionisti La dieta Scandi Sense è stata soprannominata “la dieta più semplice del mondo” e, come si potrebbe immaginare, sta cominciando ad avere un grosso seguito. E ‘stata sviluppata da una donna scandinava (da cui […]
La dieta di Scandi Sense cosa dicono i nutrizionisti