Melatonina possibile trattamento contro il Covid-19?
Melatonina possibile trattamento contro il Covid-19

Un nuovo studio suggerisce che un potenziale trattamento per il virus del Covid-19, potrebbe essere la semplice melatonina comune per il sonno.

Lo studio di novembre, pubblicato sulla rivista PLOS Biology , ha analizzato i dati dei pazienti dal registro COVID-19 della Cleveland Clinic. I ricercatori hanno scoperto che l’uso di melatonina era collegato a una probabilità ridotta di quasi il 30% di risultare positivo per SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19. I numeri erano ancora più alti tra le persone in determinati gruppi: gli afro-americani avevano una probabilità ridotta del 52% di risultare positivi, mentre le persone con diabete avevano un rischio inferiore del 48%.

I ricercatori hanno quindi analizzato le cartelle cliniche elettroniche su larga scala dei pazienti della Cleveland Clinic per trovare somiglianze tra COVID-19 e altre malattie. Hanno misurato in modo specifico la vicinanza tra i geni e le proteine ​​dell’ospite e quelli che sono collegati con altre 64 malattie in diverse categorie di malattie, tra cui il cancro maligno e le malattie autoimmuni, cardiovascolari, metaboliche, neurologiche e polmonari, per cercare di trovare somiglianze.

I ricercatori hanno scoperto che le proteine ​​legate alla sindrome da distress respiratorio e alla sepsi, che sono due principali cause di morte nei pazienti con COVID-19 grave, avevano connessioni con più proteine ​​SARS-CoV-2. Ciò ha suggerito che un farmaco che è già stato sviluppato per aiutare a trattare queste condizioni potrebbe anche aiutare con COVID-19.

Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che le malattie autoimmuni, polmonari e neurologiche avevano la maggiore vicinanza ai geni e alle proteine ​​SARS-CoV-2. Hanno contrassegnato 34 farmaci per un possibile uso “riutilizzabile“, il che implica il loro utilizzo per un motivo al di fuori del loro uso originario previsto. La melatonina era la migliore. 

Il coautore dello studio Feixiong Cheng, PhD , assistente del personale del Genomic Medicine Institute della Cleveland Clinic, conferma a Verywell che lui ei suoi colleghi hanno deciso di studiarlo perché “non ci sono farmaci efficaci approvati dalla FDA per i pazienti con COVID-19 precoce“. E, dice, può volerci un po ‘prima che ciò accada. “La tradizionale scoperta di farmaci de novo è costosa e dobbiamo aspettare molto tempo, dai 10 ai 15 anni“.

Ecco perché il team è interessato a “riproporreun farmaco o un integratore già disponibile al grande pubblico. “La riconversione dei farmaci ridurrà significativamente i costi e il tempo per l’emergente pandemia di COVID-19 rispetto ai tradizionali approcci di scoperta di farmaci“, afferma.

La melatonina può effettivamente avere un effetto protettivo contro SARS-CoV-2, aumentando in particolare la tolleranza del corpo al virus, spiega Cheng. 

Aumentando la tolleranza del corpo, potrebbe esserci una riduzione dei danni ai tessuti e agli organi “e consentire all’ospite di sopravvivere sufficientemente a lungo per sviluppare una risposta immunitaria adattativa“, dice Cheng. Di conseguenza, il tuo corpo potrebbe essere in grado di colpire e rimuovere il virus.

Tuttavia, dice Cheng, questo non è definito. “Ci sono molti possibili meccanismi della melatonina nel trattamento del COVID-19, e il nostro gruppo lo sta attivamente studiando utilizzando modelli cellulari e pre-clinici“, afferma.

Potrebbero interessarti

Ottimi motivi per mangiare cioccolato senza sensi di colpa

Croce e delizia di tutte le donne: il sogno nascosto di ognuna…

Aspirina: farmaco efficace al 50% contro il rischio di cancro al colon

E’ stata da poco confermata l’efficacia dell’aspirina che sembra ridurre del 50%…

Alcol, attenzione nei giovanissimi mette a rischio il cuore

Le cattive abitudine delle nuove generazioni sull’uso o meglio abuso di alcol…

Sterilità maschile per combatterla lo sperma di coccodrillo

Una nuova scoperta in campo scientifica è stata compiuta per combattere la…