Modena, pedofilo cerca di adescare ragazzini in chat

Redazione

I nostri ragazzi, sempre più precocemente, si avvicinano al mondo dei social: un mondo tanto ricco di opportunità di socializzazione, questo, quanto ricco di insidie a causa soprattutto dell’anonimato che lo schermo può garantire.

Lo mostra in modo lampante una storia che in queste ore arriva da Modena: i carabinieri della città stanno infatti conducendo indagini dopo la denuncia da parte dei genitori di un bambino iscritto in una scuola della città emiliana che sarebbe stato contattato da un presunto pedofilo attraverso l’applicazione ‘Tik Tok’. 

A quanto sembra il bimbo sarebbe venuto a contatto con un presunto pedofilo, o comunque con una persona sconosciuta che avrebbe dimostrato atteggiamenti a dir poco equivoci nei suoi confronti.

Il padre del ragazzino avrebbe trovato dei messaggi sulla chat del figlio a dir poco inequivocabili. “Ti voglio bene”; “Sei il mio fratellino”; “Ti voglio conoscere”. Prima i messaggi, poi le foto ed infine anche alcune videochiamate: “Infilati sotto le coperte quando parliamo, così nessuno ti ascolta”.

Ora il presunto pedofilo è stato denunciato ai carabinieri e si sono messe in guardia tutte le famiglie dei ragazzini della stessa scuola, che potrebbero essere direttamente o indirettamente coinvolti.

Next Post

Caserta, 37 enne si lancia nella vasca di Venere e Adone

I giovani odierni ci hanno insegnato che ormai si è disposti a tutto pur di vivere un minuto di gloria, nel bene o nel male poco importa. Del resto se ci sono giovanissimi disposti a sdraiarsi sui binari per un selfie “estremo”, non ci si può certo meravigliare se qualcuno […]
Caserta 37 enne si lancia nella vasca di Venere e Adone