Lodi, classe diserta la scuola per “colpa” di una nuova alunna disabile

Redazione

Notizie come queste fanno male, veramente male, nel leggerle e nel raccontarle, perché sono quelle che fanno perdere fiducia nel genere umano, quelle che spingono a chiedersi dove sia finita l’umanità, la tolleranza, l’accettazione.

Come possiamo pretendere di essere un paese tollerante e multietnico quando non riusciamo neppure a “tollerare” una bambina diversamente abile?

La brutta storia odierna viene da Lodi: gli alunni di una classe della scuola primaria di Cornegliano Laudense sono stati tenuti a casa per un giorno da molti genitori per protesta contro le difficoltà che a loro avviso sarebbero provocate ai loro figli dalla presenza di una bambina disabile in classe.

L’episodio risale all’11 ottobre scorso ma è venuto alla luce solamente in queste ore, quando una comunicazione ufficiale è stata diramata dall’istituto in cui si richiama ai valori dell’inclusione e al principio costituzionale dell’universalità della scuola pubblica.

Il gesto è stato giudicato talmente intollerabile da parte degli insegnanti della scuola, che hanno deciso di scioperare lo scorso martedì, mentre uno dei genitori ci ha tenuto a far sapere che la loro di protesta non era contro la bambina ma contro la scuola, che non offre abbastagna sostenza alla stessa bimba.

L’unica certezza, però, è che una bambina si è vista rifiutata dalla sua stessa classe, ed è un’esperienza che nessuno dovrebbe mai vivere.

Next Post

Modena, pedofilo cerca di adescare ragazzini in chat

I nostri ragazzi, sempre più precocemente, si avvicinano al mondo dei social: un mondo tanto ricco di opportunità di socializzazione, questo, quanto ricco di insidie a causa soprattutto dell’anonimato che lo schermo può garantire. Lo mostra in modo lampante una storia che in queste ore arriva da Modena: i carabinieri […]
Milano, giovane vittima di violenze omofobe