New York, studentesse 18 enne uccisa da un 13 enne

Redazione

Negli ultimi anni purtroppo abbiamo avuto a che fare più volte, nel nostro paese, con le baby gang, gruppi di giovani e giovanissimi che si riuniscono con l’unico scopo di nuocere agli altri, di compiere furti, aggressioni, angherie.

Ma il fenomeno non è solo nazionale, ma anzi oltre confine assume caratteri ancori più marcati e appare come una vera e propria piaga da debellare.

Proprio in queste ore, a New York, una baby gang si è macchiata addirittura di un omicidio, tentando un furto in un parco.

Un ragazzino di 13 anni, e altri due di 14, sarebbero infatti gli autori dell’omicidio di Tessa Majors, una studentessa 18enne del Barnard College uccisa a Morningside Park, a pochi passi dall’università Columbia a New York.

Secondo le ricostruzioni preliminari, i tre ragazzini erano al parco quando hanno puntato un uomo che avevano iniziato a seguire. Successivamente però hanno adocchiato Majors, e deciso che sarebbe stata lei la loro preda. 

La giovane, probabilmente anche notando la giovane età degli aggressori, ha deciso di reagire, ma questo le è costato la vita, perché i tre l’hanno aggredita a coltellate.

Incastrato dalle telecamere di sorveglianza e dal coltello che aveva in tasca, il 13 enne ha ammesso di aver partecipato all’attacco della ragazza, facendo il nome degli altri assieme con lui.

Next Post

Nerola, ritrovata donna sparita assieme ai tre figli

Per ore si è temuta la tragedia, e proprio per questo le ricerche sono state serrate, scandagliando tutti i paesi limitrofi ed i luoghi dove potevano essersi rifugiati, e per fortuna alla fine, almeno stavolta, c’è stato l’happy end. Nel pomeriggio di ieri è stata ritrovata dai carabinieri la donna […]
Aggredisce uomo con acido