Pensione: In tutta Europa sta diventando un miraggio?

Redazione

La pensione sta diventando sempre più un miraggio non solo per gli italiani ma per l’Europa intera, basta analizzare le dichiarazioni degli organi competenti nella comunità europea.

La pensione è di gran lunga la priorità numero uno nella lista per tutte le generazioni in Germania e deve essere affrontata dal prossimo governo che emergerà dalle elezioni del 26 settembre“, ha riferito Die Welt, citando una ricerca dell’Istituto Forsa.

Pensione In tutta Europa sta diventando un miraggio
foto@Flickr

La maggioranza dei tedeschi vuole una riforma pensionistica sostenibile che garantisca anche le pensioni in futuro senza gravare finanziariamente sulle nuove generazioni“, è la principale conclusione di uno studio dell’istituto tedesco commissionato dalla Confederazione delle associazioni tedesche.

In Francia, anche il presidente Emanuel Macron si prepara a riaprire il dossier della riforma delle pensioni, che tutti credevano fosse stato praticamente accantonato, sette mesi prima delle elezioni presidenziali della prossima primavera.

Dovranno essere prese decisioni difficili“, avvertono i consiglieri di Macron, secondo il quotidiano Les Echos. “Prima di Natale, faremo scelte difficili sull’indipendenza finanziaria del Paese per evitare che il debito sfugga“, ha detto un consigliere del presidente francese. Secondo il quotidiano finanziario francese, Macron “vorrebbe abolire i regimi pensionistici speciali e fissare la pensione minima a 1.000 euro“.

In Italia il sistema assicurativo scade ufficialmente il 31 dicembre: “Quota 100”: con questa tipologia di pensionamento i lavoratori italiani possono andare in pensione a 62 anni entro la fine di quest’anno, purché abbiano maturato gli anni contributivi necessari.

La domanda è quale sistema assicurativo verrà implementato in futuro, poiché si crea un gap molto grande, se il governo di Mario Draghi non si affretta a promuovere e approvare la prossima riforma delle pensioni.

Circolano voci sui vari scenari di riforma assicurativa, tuttavia al momento i pensionati sono preoccupati perché non esiste una risposta univoca tra i vari partiti che compongono il governo. Molto probabilmente, non potrà più ritirarsi a 62 anni ma cinque anni dopo, a 67.

In Belgio, il ministro per il sistema assicurativo, Karin Lalier, ha presentato i suoi piani per la riforma del sistema pensionistico. Pensionamento prima dei 67 anni, ma allentamento della normativa vigente in materia di pensionamento anticipato.

Il socialista Lalier intende proporre l’opzione del pensionamento anticipato a partire dai 60 anni, per quei dipendenti che hanno iniziato molto presto la loro carriera professionale e hanno compiuto 42 anni di lavoro. Il ministro vuole anche garantire che i dipendenti abbiano diritto a una pensione minima se hanno lavorato per 10 anni e versato contributi assicurativi.

La proposta, inoltre, di aumentare la pensione minima per i dipendenti che hanno lavorato per 45 anni a 1.500 euro netti entro il 2024. Il problema, ovviamente, è che il ministro delle finanze democristiano belga, Vincent van Petthem, rimane scettico: “Dobbiamo guardare alla fattibilità economica di questo sistema. L’obiettivo è quello di modellare il sistema pensionistico per sopravvivere in futuro. Chi inizia a lavorare oggi dovrebbe essere sicuro di ricevere una pensione quando raggiunge l’età pensionabile. E infatti, una pensione con cui può mantenere il suo tenore di vita”. Chi inizia a lavorare oggi dovrebbe essere sicuro di ricevere una pensione quando raggiunge l’età pensionabile. E infatti, una pensione con cui può mantenere il suo tenore di vita”.

L’ansia e la preoccupazione degli europei per i limiti di pensionamento è stata accresciuta da un rapporto dell’UE che è venuto alla luce lo scorso maggio. Il rapporto di 350 pagine preparato dal Comitato di politica economica (CPE) sulle “previsioni economiche e di bilancio per gli Stati membri dell’UE entro il 2070” presenta proposte per aumentare l’età pensionabile in vari Stati membri.

“Purtroppo, questo è ciò che propone la Commissione europea, lavorare fino a 70 o anche di più”, ha affermato l’eurodeputato belga Mark Botenga, membro del gruppo “Sinistra” al Parlamento europeo. “L’UE usa sempre le stesse ricette e distrugge lo standard sociale”. Intervenendo su France 24, Bottenga ha sottolineato: “Ci viene detto che dobbiamo lavorare di più… La Commissione Europea nel rapporto propone di aumentare l’età pensionabile a 70 anni e soprattutto in Lituania a 72, in un momento in cui in questo paese baltico l’aspettativa di vita è… 71,5 anni”, ” Stiamo affrontando un processo di distruzione di ciò che abbiamo conquistato, con il sistema che cerca di legare permanentemente l’austerità alla nostra coscienza”, ha affermato l’eurodeputato belga. Un portavoce della commissione, però, si è affrettato ad assicurare che “il rapporto che è venuto alla luce ha solo valore informativo e non vincolante”.

“La relazione sull’invecchiamento del 2021 presenta previsioni macroeconomiche e di bilancio a lungo termine (nei settori delle pensioni, della salute e dell’istruzione) per tutti gli Stati membri dell’UE, ma sono redatti congiuntamente con gli Stati membri. Tutti i casi su cui si basa questa relazione sono stati precedentemente (ampiamente) discussi e sottoposti all’accordo degli Stati membri. Questa relazione viene preparata ogni 3 anni – dal 2006 “, ha affermato un rappresentante della Commissione sul sito francese “20 minutes.fr”.

Un sondaggio dell’Istituto Forsa in Germania, tuttavia, ha mostrato che la stragrande maggioranza dei cittadini sta cercando urgentemente soluzioni per le pensioni. Il 65% degli intervistati considera “una riforma pensionistica molto sostenibile che assicurerà anche pensioni soddisfacenti in futuro senza gravare sulle giovani generazioni”. Un altro 32% ritiene inoltre che sia almeno “importante” che il nuovo governo presti particolare attenzione alla questione assicurativa.

La pensione resta un miraggio per i giovani?

“Secondo le ultime previsioni demografiche di Eurostat, l’indice di dipendenza economica degli anziani, affinché il 2040 rimanga nell’UE come è oggi, la forza lavoro deve continuare a lavorare fino all’età di 70 anni”, riporta RTL. L’indice di dipendenza mostra quanti pensionati ci sono per 100 membri produttivi della popolazione. Ad esempio, il Lussemburgo ha attualmente il più basso tasso di dipendenza economica in Europa (22%), rispetto al 35% in Grecia e al 39% in Italia.

In Italia, ad esempio, un rapporto dell’Istituto Euris e del Consiglio nazionale della gioventù presenta un quadro drammatico della situazione dei giovani sotto i 35 anni appena entrati nel mondo del lavoro, possono solo aspettarsi una vecchiaia incerta e limiti di sopravvivenza sconosciuti.

fonte@naftemporiki

Next Post

Malattie croniche, espongono di più a virus

La nuova epidemia globale di coronavirus è rafforzata oggi dal virus della variante Delta, altamente contagioso, e il numero di casi confermati in vari paesi continua ad aumentare. Secondo i resoconti dei media stranieri, un rapporto pubblicato dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) mostra che sebbene gli americani […]
Malattie croniche espongono di piu a virus