Uganda: pubblicati 200 nomi di gay, gli Usa minacciano

Redazione

Succede in Uganda dove su un giornale sono stati pubblicati come in una black-list, duecento nomi tutti indicati come gay. Nomi e cognomi accompagnati le accuse  infamanti, così da aumentare l’odio contro queste persone già fortemente discriminate.

Nel paese africano i gay sono perseguitati e non solo offesi verbalmente.  Il presidente ha varato una legge che arriva all’ergastolo per i gay. Il Red Pepper è il giornale che ha messo all’indice i duecento gay. Tra questi anche persone note, come un cantante hip-hop, degli attivisti ed un prete cattolico.
Tra questi Pepe Julian Onziema, che sostiene che la legge anti-gay potrebbe causare violenza.

In Uganda  non si fa  ‘coming out’ e questo elenco  pubblicato sul Red Pepper ricorda la lista  resa nota nel 2011 da un altro tabloid, poi chiuso.

Il segretario di Stato Usa, John Kerry ha parlato di: «un tragico giorno per l’Uganda e per tutti coloro a cui stanno a cuore i diritti umani». Kerry ha poi detto che gli Usa si vedranno costretti a tagliare gli aiuti a Kampala.

uganda-anti-gay

Next Post

Parmalat i consiglieri rassegnano le dimissioni

Le ultime indiscrezioni confermano quanto peraltro è stato ufficializzato dalla stessa azienda Parmalat, la maggior parte dei consiglieri si è dimessa. Dopo la richiesta di annullamento dell’acquisizione di Lag, Lactalis American Group, la Procura aveva imposto la revoca del consigli di amministrazione dell’azienda e delegato un commissario ma il Tribunale […]
Parmalat i consiglieri rassegnano le dimissioni