WWF Greenpeace stop alle trivelle in Sicilia

WWF Greenpeace stop alle trivelle in Sicilia

La protesta o per meglio dire la manifestazione è partita ieri, insieme WWF e Greenpeace per chiedere al Presidente della Regione Sicilia di mettere fine alle trivelle petrolifere in Sicilia.

La manifestazione davanti alla sede della Regione Sicilia è stata sollecitata dal momento in cui è giunta notizia che la Eni e Edison avevano avuto l’autorizzazione per l’installazione di trivelle per pozzi petroliferi al largo di Pozzallo in provincia di Ragusa.

WWF e Greenpeace si sono mobilitate con un chiaro segnale per le autorità “No alle trivelle nel canale di Sicilia”, il mare della Sicilia non deve essere toccato, le trivelle petrolifere mettono a serio rischio l’ecosistema ma ancor di più il settore della pesca e del turismo, settori per i quali la regione si regge in particolar modo.

Nessun riscontro per il momento, ma la manifestazione continua e le due associazioni WWF e Greenpeace hanno raccolto oltre 36mila firme per cercare di dare seguito una volta tanto agli interessi dei cittadini e dell’ambiente e non dei potenti.

WWF Greenpeace stop alle trivelle in Sicilia

Redazione

<em>Content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, appassionata di gossip, cronaca e curiosità.</em>

One thought on “WWF Greenpeace stop alle trivelle in Sicilia”

  1. Ciao

    Si dovrebbe obbligare l’adeguamento delle raffinerie petrolifere siciliane, gestite da stranieri, che inquinano il nostro mare ed i profitti vanno altrove e più ….

Comments are closed.