Integratori alimentari sono dannosi per il nostro organismo?

Integratori alimentari sono dannosi per il nostro organismo

Mentre gli integratori alimentari sono commercializzati come sicuri e naturali, uno studio recente ha rilevato che molti di essi contengono sostanze pericolose, inclusi ingredienti farmaceutici non approvati e non regolamentati. Gli autori dello studio hanno rivelato che le sostanze rappresentano “una seria preoccupazione per la salute pubblica“. Lo studio è stato recentemente pubblicato su JAMA Network Open.

I ricercatori del Dipartimento della sanità pubblica della California hanno basato le loro scoperte sull’analisi di un database di Food and Drug Administration che identifica gli integratori “contaminati“. I prodotti sono stati commercializzati come integratori alimentari dal 2007 al 2016. Tra i prodotti testati, 776 contenevano ingredienti attivi nascosti non studiati o considerati non sicuri.

Circa il 50 percento degli americani consuma un qualche tipo di integratore alimentare, sostenendo un’industria da 35 miliardi di dollari. Tali integratori includono vitamine, minerali e prodotti botanici. Gli integratori non sono classificati dalla FDA come farmaci, ma sono considerati alimenti. Non sono destinati a trattare o prevenire malattie e non sono soggetti a test di sicurezza e di efficacia pre-market.

Essere contaminati o adulterati significa che il prodotto contiene principi attivi non elencati sull’etichetta. Il database della FDA monitorava i problemi emersi durante la “sorveglianza post-mercato“, che include segnalazioni di eventi avversi e reclami dei consumatori. Di solito, la FDA gestisce questi problemi con lettere di avvertimento e richieste di agenzia per richiami volontari da parte del produttore.

Dei supplementi adulterati analizzati durante lo studio, circa il 46% era commercializzato per problemi di disfunzione erettile, il 41% era commercializzato per la perdita di peso e il 12% per la struttura muscolare. Una delle sostanze trovate negli integratori era la dapoxetina, un antidepressivo non approvato negli Stati Uniti. Un altro era la sibutramina, che è stata bandita dal mercato statunitense nel 2010 a causa di rischi cardiovascolari. Il sildenafil, il farmaco attivo nel Viagra e l’efedrina, uno stimolante vietato dal 2004, anche questi sono stati trovati negli integratori.

Avere questi ingredienti non divulgati negli integratori espone il pubblico a gravi rischi per la salute. Gli autori hanno scritto: “Gli integratori alimentari adulterati hanno il potenziale di causare effetti nocivi sulla salute sia da soli che in combinazione con altri farmaci che un individuo potrebbe assumere“.

foto@MaxPixel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *