Vegani, sono a maggior rischio fratture ossee

Vegani sono a maggior rischio fratture ossee

Secondo una nuova ricerca, i vegani hanno maggiori probabilità di soffrire di ossa rotte e fratturate rispetto a coloro che mangiano carne e pesce.

Lo studio ha anche suggerito che le fratture a cui i vegani sono più suscettibili rispetto ai mangiatori di carne sono rotture dell’anca, con 2,3 volte più probabilità di soffrirne.

Quasi 55.000 persone hanno preso parte allo studio EPIC-Oxford, di cui circa 2.000 erano vegani.

Ha scoperto che coloro che non mangiavano carne o prodotti ittici, come manzo, pollo o maiale, avevano il 43% in più di probabilità di soffrire di qualsiasi tipo di frattura.

La ricerca ha seguito le persone per 18 anni in media e ha rivelato un totale di 3.941 fratture in quel periodo.

È stato pubblicato su BMC Medicine e l’autore principale, il dottor Tammy Tong, un epidemiologo nutrizionista presso il Nuffield Department of Population Health, ha dichiarato:

Abbiamo scoperto che i vegani avevano un rischio più elevato di fratture totali che hanno portato a quasi 20 casi in più per 1.000 persone su un periodo di 10 anni rispetto alle persone che hanno mangiato carne“.

Vegani sono a maggior rischio fratture ossee

Mentre i dati hanno mostrato un rischio più elevato di fratture dell’anca nei vegani, vegetariani rispetto ai mangiatori di carne, i vegani avevano anche un rischio maggiore di rotture delle gambe e fratture in altri siti principali, inclusi braccio, polso, costole e clavicola.

Tuttavia, i dati sul fatto che le fratture fossero causate da cattiva salute delle ossa o incidenti non erano disponibili.

Il dottor Tong ha aggiunto: “Diete ben bilanciate e prevalentemente a base vegetale possono portare a un miglioramento dei livelli di nutrienti e sono state collegate a minori rischi di malattie tra cui malattie cardiache e diabete“.

Gli individui dovrebbero tenere conto dei benefici e dei rischi della loro dieta e assicurarsi di avere livelli adeguati di calcio e proteine ​​e mantenere anche un BMI sano, cioè né sotto né sovrappeso“.

Redazione

<em>Content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, appassionata di gossip, cronaca e curiosità.</em>