Predappio, si va ancora in “pellegrinaggio” sulla tomba di Mussolini

Redazione

Abbiamo avuto modo più volte di ripetere che l’apologia del fascismo è un reato e che la stessa Costituzione vieta la ricostituzione del partito fascista, eppure sembra che nulla possa impedire ai nostalgici di rimpiangere quei tempi e soprattutto il “loro” leader.

E così, come ogni anno, da decenni ormai, in occasione dell’anniversario della Marcia su Roma, oltre 2mila persone hanno celebrato il 97esimo anniversario.

Una dozzina i grossi pullman arrivati a Predappio, prevalentemente da Veneto, Lombardia, Toscana, Lazio ed Emilia-Romagna.

Il corteo dei nostalgici, organizzato dagli Arditi d’Italia da piazza Sant’Antonio, è salito sino al vicino cimitero di San Cassiano dove si trova la cripta della famiglia Mussolini, che per l’occasione è rimasta aperta al pubblico.

 “Noi siamo la continuazione ideale di quella che fu la rivoluzione fascista”, ha gridato uno degli organizzatori del corteo, esortando la folla a inneggiare al Duce “camerata Benito Mussolini” con il saluto romano. 

Alcuni dei neofascisti hanno indossato una maglietta con la scritta: «Salvini santo subito». «E’ quello che si avvicina di più», fa sapere uno dei manifestanti che aggiunge: «E’ l’unico onesto».

foto@Wikimedia

Next Post

Pavia, sospesa maestra che aveva denunciato violenze su una bambina

Molte volte a condannare letteralmente a morte donne e bambini vittime di violenze è l’omertà: nessuno trova il coraggio di denunciare, di far luce su soprusi che si consumano nel silenzio più assordante. Ma quando qualcuno lo fa, non bisogna dare certo il brutto esempio che ci racconta una deprecabile […]
Pavia sospesa maestra che aveva denunciato violenze su una bambina