Ott 30, 2020

24Hlive.it

Tutte le news del web

Tabacco responsabile del 20 per cento di decessi per malattie cardiache

Tabacco responsabile del 20 per cento di decessi per malattie cardiache

Ogni anno, 1,9 milioni di persone muoiono di malattie cardiache indotte dal tabacco, secondo una nuova nota rilasciata oggi dall’Organizzazione mondiale della sanità, dalla World Heart Federation e dall’Università di Newcastle in Australia prima della Giornata mondiale del cuore, celebrata il 29 settembre.

Ciò equivale a uno su cinque di tutti i decessi per malattie cardiache, avvertono gli autori del rapporto, che esortano tutti i consumatori di tabacco a smettere ed evitare un infarto, sottolineando che i fumatori hanno maggiori probabilità di sperimentare un evento cardiovascolare acuto in giovane età rispetto ai non- fumatori.

Poche sigarette al giorno, fumo occasionale o esposizione al fumo passivo aumentano il rischio di malattie cardiache. Ma se i consumatori di tabacco agiscono immediatamente e smettono, il rischio di malattie cardiache diminuirà del 50% dopo un anno di assenza di fumo.

Tabacco responsabile del 20 per cento di decessi per malattie cardiache

“Dato l’attuale livello di evidenza sul tabacco e sulla salute cardiovascolare e sui benefici per la salute derivanti dalla cessazione del fumo, la mancata offerta di servizi per la cessazione della terapia ai pazienti con malattie cardiache potrebbe essere considerata negligenza o negligenza clinica. Le società di cardiologia dovrebbero istruire i propri membri a smettere di fumare, nonché a promuovere e persino guidare gli sforzi di difesa del controllo del tabacco “, sostiene il dott. Eduardo Bianco, presidente del gruppo di esperti del tabacco della World Heart Federation.

Il brief mostra anche che il tabacco senza fumo è responsabile di circa 200.000 decessi per malattia coronarica all’anno. Le sigarette elettroniche aumentano anche la pressione sanguigna aumentando il rischio di malattie cardiovascolari.

Inoltre, l’ipertensione e le malattie cardiache aumentano il rischio di COVID-19 grave. Un recente sondaggio dell’OMS ha rilevato che tra le persone che muoiono di COVID-19 in Italia, il 67% aveva la pressione alta e in Spagna, il 43% delle persone che hanno sviluppato COVID-19 viveva con malattie cardiache.

“I governi hanno la responsabilità di proteggere la salute della loro gente e contribuire a invertire l’epidemia di tabacco. Rendere le nostre comunità libere dal fumo riduce il numero di ricoveri ospedalieri legati al tabacco, che è più importante che mai nel contesto dell’attuale pandemia “, ha affermato il dott. Vinayak Prasad, capo unità dell’OMS No Tobacco Unit.

Il controllo del tabacco è un elemento chiave per ridurre le malattie cardiache. I governi possono aiutare i consumatori di tabacco a smettere di fumare aumentando le tasse sui prodotti del tabacco, imponendo divieti sulla pubblicità del tabacco e offrendo servizi per aiutare le persone a smettere di fumare.

Copyright 2012 © 24hlive.it All rights reserved. | Newsphere by AF themes.