Giulianova, donna investita dalla sua stessa figlia

Redazione

Troppo spesso, purtroppo, ci si dimentica che l’automobile è sì un mezzo indispensabile per i nostri spostamenti quotidiani, ma anche che non è un giocattolo, e che quindi va guidata con tutti i crismi del caso.

Capita così che ci si metta alla guida sotto effetto di alcol o di droga, si guidi quando non si è ancora abili, o peggio ancora si permetta ai minorenni e persino ai bambini di mettersi alla guida.

Leggerezze gravissime che possono costare la vita come è successo nelle scorse ore a Giulianova: una donna di 40 anni è morta travolta da un’automobile al cui volante c’era la figlia 15enne. 

Il tragico incidente si è verificato nella provincia di Teramo, in una strada stretta e a senso unico, traversa del lungomare Zara.

La donna di 49 anni, è morta investita dall’auto che stava facendo retromarcia.

La ricostruzione della dinamica dell’accaduto ad opera dei Carabinieri di Giulianova e degli agenti della Polizia Locale è ancora in corso, ma sembra che madre e figlia stessero litigando e che la donna stesse cercando di far scendere la ragazza dall’auto.

Inutili i soccorsi.  Il magistrato ha quindi disposto l’autopsia sulla donna che viveva nella zona dell’incidente ed era sposata con un noto commerciante di Giulianova con il quale aveva un’altra figlia.

Next Post

Grosseto, gli studenti riescono ad hackerare il registro di classe

Una volta era più “facile” nascondere i propri brutti voti a scuola, almeno per qualche settimana: fino a quando i genitori non andavano agli incontri scuola famiglia, gli studenti potevano infatti mentire e riferire di aver preso almeno qualche sufficienza. Oggi invece le comunicazione sono istantanee: i voti vengono infatti […]
Grosseto gli studenti riescono ad hackerare il registro di classe